Ed ecco i panini che sono usciti fuori con la ricetta del pane bianco base (cliccate ed arriverete alla ricetta) ed usando il mix di farine dietoterapeutiche con la Nutrifree come farina portante.

  • 280 g di Nutrifree
  • 140 g di Glutafin bianca
  • 80 g di Farmo Fibrepan

Buonissimi! Leggeri e di ottimo sapore. A me piacciono con la bella crosta croccante, ma se li volete più morbidi basta farli cuocere circa 25 minuti a 220°

e questo è l’interno

E allora… è vero che la Nutrifree non lievita l’impasto come fa il Mix B, tuttavia si riprende nelle fasi successive e soprattutto vive il suo vero exploit in forno durante la cottura.
Tanti Buoni e Semplici Panini…
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:

20 Commenti in “Tanti Buoni e Semplici Panini…

  • 20 marzo 2012 at 13:46
    Permalink

    Olga.. ma sai che li ho fatti anch'io ieri :)) telepatia… ma la crosta mi rimane morbida :(( e non mi piace… dentro la mollica era sul marrone.. non so forse li ho cotti troppo.. bo!! per
    l'impasto ho usato quello del pane veloce…
    i tuoi sono favolisi, quella crosta è da invidia.. bravissima ♥

    Rispondi
  • 20 marzo 2012 at 14:00
    Permalink

    Olga.. ma sai che li ho fatti anch'io ieri :)) telepatia… ma la crosta mi rimane morbida :(( e non mi piace… dentro la mollica era sul marrone.. non so forse li ho cotti troppo.. bo!! per
    l'impasto ho usato quello del pane veloce…
    i tuoi sono favolisi, quella crosta è da invidia.. bravissima ♥

    Rispondi
  • 20 marzo 2012 at 14:25
    Permalink

    Sì Anna… io l'ho notato che hai qualche problema con la cottura… mi dici a quanto metti il forno? Se statico o ventilato. A quale altezza inforni il pane e su quale supporto?

    Attendo….

    Rispondi
  • 20 marzo 2012 at 15:51
    Permalink

    siiii convertiamoci tutti alla nutrefree!!!!
    I tuoi panini sono fantastici, mi sembra di sentire il profumo.
    Io non metto la farmo perchè non mi piace il sapore che lascia anche in piccole quantità, e mi che vengano bene lo stesso. Questione di gusto.

    Rispondi
  • 20 marzo 2012 at 15:54
    Permalink

    Grazie ragazze :)

    @Roberta: io ci metto la Farmo per togliere un po' quell'effetto gomma che la Nutrifree si porta appresso e inoltre aiuta la lievitazione che in questa farina stenta un po'… però è come dici tu è una questione di gusti :)
    Io direi che conviene convertirsi alla Nutrifree fa bene anche alle nostre tasche 😉

    Rispondi
  • 20 marzo 2012 at 16:19
    Permalink

    Olga…
    io e il forno parliamo lingue diverse…
    uso spesso il ventilato anche quando non dovrei..
    e la temperatura cerco quasi sempre, lo ammetto cerco di rispettare quelle indicate.. ma!! non sempre riesco a trattenermi… combino casini..
    la posizione è al centro…
    :))

    Rispondi
  • 20 marzo 2012 at 16:30
    Permalink

    Il ventilato a meno che non sia specifico per pane, pizza etc… è meglio che lo lasci perdere, ammazza i lievitati, e li stracuoce….

    Prova ad usarlo statico, posizione ad un gradino sopra la base del forno, cottura su leccarda rovesciata, arroventata, usata a mo di refrattaria 😉

    Rispondi
  • 20 marzo 2012 at 19:11
    Permalink

    La Nutrifree la conosco per altri prodotti che consumo abitualmente e per le farine di riso, mais, grano saraceno. La farina bianca non l'ho mai provata. Grazie per la dritta, come sempre insostituibili!

    Rispondi
  • 21 marzo 2012 at 9:43
    Permalink

    capperi che spettacolo!! io sono ancora legata all'idea che la base debba essere di mix b, ma scordo che potrei benissimo fare come te con la nutrifree che mi piace tanto o con la sfornagusto o il mix piaceri med. ultimamente non panifico molto e mi ritrovo a non avere pane GF in casa, è assurdo..lo so! ho visto un paio di pani in giro che sono troppo belli e mi sa che copio te per provarli 😉 tu sei sempre una fonte di idee…andresti brevettata 😉 bacioni ciccia :-XX

    Rispondi
  • 21 marzo 2012 at 16:01
    Permalink

    Buonissimi!Unico problema è che me li mangia tutti mio marito!Grazie Olga davvero di cuore!In settimana proverò anche a fare la pizza con lo stesso impasto!Un bacione.Silvia

    Rispondi
  • 24 marzo 2012 at 10:51
    Permalink

    I tuoi pani sono sempre bellissimi!!!!! Ma questa Nutrifree? Dici che rende meglio della Biaglut?
    Tu sei eccezionale, non ti senti mai "arrivata"!!! E questo atteggiamento ti porterà lontano!!! Ciao!

    Rispondi
  • 13 aprile 2012 at 11:36
    Permalink

    Felix, quando dici: Prova ad usarlo statico, posizione ad un gradino sopra la base del forno, cottura su leccarda rovesciata, arroventata, usata a mo di refrattaria -> perchè rovesciata e arroventata? meglio quindi far riposare i panini su un altro supporto e di metterli direttamente sulla leccarda arroventata per cuocerli? cosa cambia rispetto a metterli con la leccarda fredda?
    Grazie!!!

    Rispondi
  • 13 aprile 2012 at 18:45
    Permalink

    Cambia tutto potrei dire… perché il pane (anche quello con glutine) ha bisogno di bella botta di calore dal basso per cuocere bene e soprattutto perdere velocemente l'umidità. Così esce croccante ed asciutto 😉 prova!

    Grazie a te Lalla :)

    Rispondi
  • 28 aprile 2013 at 15:13
    Permalink

    Certo, ma non li ho riscritti perché sono identici nelle dosi a quelli che si trovano cliccando sul link che ho messo nella prima riga: pane bianco base.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>