Insalata Fredda di Mezze Penne Multicereali con Tonno e Verdure al Forno

Un primo piatto freddo semplice per i non celiaci, più difficile per noi, perché non tutta la nostra pasta si presta ad essere consumata fredda.
Un tempo era davvero un’impresa oggi piano piano qualcosa è migliorata anche sotto questo profilo e senza che alla pasta vengano aggiunti ingredienti “strani” (che con la pasta di consumo quotidiano poco dovrebbero entrarci: come è il caso dei mono e digliceridi degli acidi grassi/E471).

Per questo vi voglio segnalare questa pasta (magari molti la conoscono già) che rientra fra i prodotti senza glutine a marchio del supermercato Pam Panorama: la linea Semplici e Buoni (a me piace trovare i nostri alimenti al supermercato, nessuno me ne voglia, ma il fatto di andare esclusivamente in farmacia a fare la spesa non mi ha mai fatto fare i salti di gioia).

L’ho comprata incuriosita (e sempre un po’ spaventata perché la nostra pasta è forse una delle cose che ancora patisco di più senza glutine) dal fatto che si tratta di una pasta biologica e dagli ingredienti, che vi riporto: farina di mais 55%, farina di riso 39% (farina di riso bianco, farina di riso integrale), farina di grano saraceno 3%, farina di quinoa 3% (è prodotta dal Molino Andriani).

L’ho provata con il test del fuoco: la pasta fredda!

A me è piaciuta molto: regge bene la cottura, i tempi indicati sulla scatola sono precisi, non si rompe (agevolata dal fatto che il formato è proprio piccolo). Anche a freddo non si spezza.

Il condimento è invece il mio solito “svuota il frigo dalle verdure estive”.

pasta fredda

Per 4 persone (senza il bis)

  • 340 g di mezze penne multicereali Semplici e Buoni (cioè tutta la scatola)
  • 1 melanzana (piccola)
  • 2 peperoni medio piccoli (uno giallo e uno rosso)
  • una ventina circa di pomodori tra datterini e di pachino
  • origano
  • una presa di zucchero
  • e tre cucchiai circa di olio (potete abbondare: io condisco sempre poco)
  • una confezione di tonno dal peso (sgocciolato) di circa 110 g
  • peperoncino
  • sale (che io per adesso ho dovuto eliminare dalla dieta)

Procedimento

Che faccio io di solito con le verdure da smaltire?

Rivesto la leccarda del forno con la carta forno e ci metto su un solo strato tutte le verdure (non si devono sovrapporre): la melanzana ed i peperoni tagliati a cubi non troppo piccoli, i pomodori tagliati a metà.

Cospargo SOLO i pomodori con la presa di zucchero e l’origano, poi verso a filo l’olio su tutte le verdure. Si dovrebbe anche salare il tutto.

Lascio appassire le verdure in forno per 1 ora/ 1 ora e mezza a 140° circa.

Sfornatele, fatele intiepidire e nel frattempo cuocete la pasta.

Scolatela, mescolatela alle verdure, unite un giro di olio e aspettate che arrivi a temperatura ambiente per poi aggiungere il tonno ed un pizzico piccolo di peperoncino.

Io di solito la preparo a pranzo per consumarla a cena.

Un abbraccio!

Olga

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share

Pagnottelle con Farina Zero Glu

Prova di farina ZeroGlu: pane molto morbido, ottimo di sapore.

Per quanto riguarda gli ingredienti ho dimenticato di segnarli, ve li riporto esattamente quando la riprendo, mi ricordo però che era similissima alla Farmo Fibrepan dalla quale differiva per la mancanza di psyllium e lattosio.

La ricetta è la mia solita velocissima di prova

Pane con Zeroglu

  • 250 g di farina Zero Glu
  • 225 g di acqua
  • 3 g di lievito di birra secco
  • 20 g di olio
  • 4 g di sale

Attrezzatura: una ciotola, 1 forchetta, una bilancia, una spatola di silicone, carta forno, farine di spolvero (riso e mais).

  1. Dentro una ciotolina versate l’acqua tiepida di rubinetto, il lievito di birra e l’olio.
  2. Aggiungete la farina e iniziate a mescolare con una forchetta.
  3. Appena sentite che comincia a fare “resistenza” unite il sale e continuate a mescolare.
  4. Se la forchetta non basta più, utilizzate per lavorare una spatola di silicone.
  5. Tappate la ciotola e fate lievitare due orette circa.
  6. Intanto, quando manca circa mezz’ora alla fine della lievitazione, accendete il forno a 220° con la refrattaria dentro.
  7. Trascorso il tempo, infarinate molto bene un foglio di carta forno (con farina di riso e mais o riso e teff) ribaltate sopra l’impasto (che è morbido, ma non scapperà da tutti i lati) e senza lavorarlo né toccarlo con le mani dividetelo in due con una spatola.
  8. Distanziate le due parti e rigiratele, in modo che siano infarinate sia sopra che sotto.
  9. Aspettate ancora 10 minuti e poi infornatele.
  10. Mi raccomando il forno deve essere bollente!
  11. Cuocere a 220° per 5 minuti e proseguire a 200° per altri 20 – 25 minuti

pane zeroglu1

 

Un abbraccio!

Olga

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share