Pasta Matta allo Yogurt

Ve la ricordate la Pasta Matta? Quell’impasto di acqua, farina e olio senza niente altro, ideale come base leggera per torte salate, trovate la ricetta QUI

Bene: la mia amica Lorena ne fa una versione allo yogurt che trovo deliziosa.
La provai non appena la pubblicò e praticamente non l’ho più lasciata, siccome è rapidissima la preparo spesso.
Inoltre, poiché nasce come base per smaltire i sacchetti di farina aperti, io l’ho variata rispetto alla sua (che vi riporto più giù, seguite l’asterisco *), utilizzando farine diverse.
Ha il pregio di mantenersi molto bene. Il bordo non indurisce e rimane croccante, ottima anche fredda; inoltre ho notato che se si aumenta di poco la quota di farina naturalmente senza glutine rimane ancora più morbida.

Pasta Matta Yogurt

©Pasta Matta allo Yogurt©

Per una torta quadrata in teglia 50×50 circa

  • 450 g di farina senza glutine Fioreglut Caputo da 1 kg (una volta misi anche una parte di Farmo Fibrepan)
  • 50 g di farina di grano saraceno bianca (potete mettere la naturale che volete. Io le ho provate quasi tutte: teff scuro e bianco; sorgo; quinoa; anche di legumi tipo ceci, piselli, lenticchie. Una volta ci misi anche le farine di Moringa e Baobab)
  • 125 g di yogurt bianco
  • 125 g di olio di semi spremuto a freddo (io preferisco sempre quello di mais, ma una volta ho provato con metà di girasole e metà olio di oliva, ottima comunque solo poco più saporita)
  • 180/185 g di acqua (l’idratazione varia secondo le farine che si usano, per cui regolatevi sulla consistenza: aggiungete l’acqua fino a che l’impasto non risulta morbido come il lobo dell’orecchio, non deve essere troppo secco né troppo appiccicoso)
  • circa 8 g di sale

Procedimento

  1. Nella ciotola unite l’olio, lo yogurt, ed il sale.
  2. Aggiungete le farine ed iniziate ad impastare, unite l’acqua a filo fino alla consistenza che vi ho descritto sopra.
  3. L’impasto non deve riposare per cui usatelo subito.
  4. Stendete poco più della metà dell’impasto su un foglio di carta forno (potete usare le mani o il mattarello) allo spessore di circa 4 mm
  5. Posate questo foglio sulla teglia, farcite a piacere: io ho sempre unito insieme verdure miste ripassate o solo lessate e formaggio. Potete farcire come volete insomma :)
  6. Stendete l’altra parte di impasto sempre a 4 mm circa e coprite con questa la metà già stesa e chiudete bene i bordi
  7. Cuocete in forno già caldo a 200° per 20 minuti. Ponete la teglia un gradino sotto la parte centrale del forno.

Io ne sono dipendente :)

pasta matta fetta

 

Grazie a Lorena e un abbraccio a tutti! :)

Olga

* Questa la versione originale di Lorena:

Una torta svuotasacchetti…
ho utilizzato 303g mix pane della nutrifree,
197 g di quello per pizza della nutrifree
3 cucchiai colmi di farina grano saraceno bianca nutrifree,
1 vasetto di yogurt bianco senza lattosio,
1 vasetto di olio di semi
230 g di acqua

Piadina Sfogliata

Ogni tanto trovo foto di cose che mi son dimenticata di pubblicare.
Questa l’avevo preparata a luglio dello scorso anno prendendo la ricetta da un libro (con glutine) tutto dedicato a Piade, Piadine e Crescioni secondo la tradizione romagnola.
Se vi può interessare, il libro è scritto da Marzia Lodi edizioni MUP

Ho seguito la ricetta così come era data, quindi con l’uovo nell’impasto per mantenermi all’interno della ricetta tradizionale (ovviamente potete anche non metterlo aumentando di poco gli altri liquidi dati in ricetta).

piada sfogliata

 

©Piadina Sfogliata©
per circa 5 piadine piuttosto grandi

  • 500 g di mix di Felix per pane
  • 2,5 g di bicarbonato di sodio
  • 1 uovo (il mio 55 g circa sgusciato)
  • 125 g di acqua
  • 125 g di latte fresco
  • strutto o olio per sfogliare
  • sale
  • un cucchiaio di semini (facoltativo)

Impastate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto morbido ma non appiccicoso.
Avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare per circa 30 minuti.

piadacollage

Adesso, prendete delle palline dall’impasto grandi quanto volete che sia la dimensione della piadina, stendete ogni pallina (vedete i semini che io avevo messo nell’impasto) come in foto 1

Spalmate lo strutto o l’olio sulla piadina come in foto 2

Arrotolate foto 3

e poi arrotolate di nuovo a chiocciola foto 4

Fate riposare le chioccioline per circa 1 oretta coperte con pellicola.
Se volete potete prepararle la mattina e cuocerle la sera: in questo caso fatele riposare in frigorifero.

e poi stendetele (non troppo sottili) e cuocetele come per le normali piadine: su un testo antiaderente posto sul fuoco non troppo vivace per circa 30 – 40 sec. per lato

Vengono buone, più leggere delle classiche.
Io le ho fatte sia con lo strutto che con l’olio e preferisco quelle con lo strutto. In ogni caso scegliete secondo i vostri gusti ed esigenze :)

La farcitura è a piacere. Quella che vedete in foto è con squacquerone, prosciutto crudo e rucola :)

Un abbraccio!

Olga

Eventi
Libri

Unknown

… dal 6 giugno 2010
febbraio: 2017
M T W T F S S
« Dec    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  
Networkedblogs
Pinterest Felix
Follow Me on Pinterest
Feed RSS