Focaccia Morbidissima con i Pomodorini

Sapete quando in dispensa ci sono pacchi di farina da smaltire? A me capita spesso e per terminare farine che quasi sempre usate da sole non mi piacciono mescolo tutto insieme.

In questo caso ho unito: 66 g di mix Vivifree per pasta fresca (vista la quantità esigua potete anche ometterla); 305 g di Revolution per pane; 321 g di Farmo Fibrepan; 489 g di farina per pane senza glutine Pezzullo che altro non è che la Biaglut per pane. Per un totale di kg 1.181 g di farina.

Vi inserisco gli ingredienti della PezzulloAmido di mais, fecola di patate, latte scremato in polvere, destrosio, addensanti: cellulosa, farina di semi di guar, idrossipropilmetilcellulosa.
Il prodotto può contenere tracce di: latte.

Questi gli ingredienti della Biaglut per paneAmido di mais, fecola di patate, latte scremato in polvere, destrosio, addensanti: cellulosa, farina di semi di guar, idrossipropilmetilcellulosa.
Il prodotto contiene: Latte

Da questa mescola ho prelevato 500 g di farina ed ho realizzato una focaccia con pomodorini che si è poi rivelata ottima (altrimenti non l’avrei pubblicata 😉 )

La ricetta è facilissima.

Focaccia morbidissima

 

  • 500 g di farina senza glutine (prelevati dal miscuglio di cui sopra)
  • 450 g di acqua 
  • 2 g di lievito di birra secco
  • 5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 10 g di sale (questo miscuglio di farine risulta un po’ insipido)

per condire

  • pomodorini ciliegia; pachino; datterini
  • origano e basilico secchi

Procedimento

  1. Mescolare tutti gli ingredienti con l’aiuto di una impastatrice o di fruste elettriche a spirale.
  2. Impastate finché l’impasto non diventa liscio ed omogeneo
  3. Rimarrà piuttosto morbido
  4. Foderate la teglia del forno con carta forno e ungetela.
  5. Versateci sopra l’impasto e con le dita (e mani) ben unte di olio stendete piano piano cercando di renderla uniforme ( a me dei segmenti sono rimasti più alti altri più bassi, ma questo non compromette la resa finale).
  6. A questo punto completate con i pomodorini tagliati a metà e le erbette secche.
  7. Mettete la teglia in forno e aspettate che lieviti. A me con le temperature di adesso (circa 26° – 27° in cucina) ci sono volute 2 – 3 ore. (L’impasto quindi lievita una volta sola già steso)
  8. Fate scaldare il forno (senza la focaccia dentro) a 220° e appena arriva a temperatura infornate per 10 minuti sul ripiano più basso e per i successivi 10 – 15 minuti a metà altezza.
  9. Pronta e senza troppe giravolte e complicazioni 😉

Focaccia interno

 

Il sapore è ottimo, la focaccia è leggerissima e si mantiene bene anche da fredda.

Con la restante farina ho poi fatto anche il pane, ve lo mostro, ma la ricetta la pubblico tra qualche giorno (facilissima anche questa 😉 )

Pane tipo ciabatta

 

Anche questo era buonissimo e leggerissimo e senza giravolte 😉

Un abbraccio!

Olga

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share

Pane con nuova Farina per pane Conad

Eh sì, quest’anno le ditte hanno deciso grandi rivoluzioni, sicuramente frutto di convenienze di mercato. Resta a Noi la difficoltà di districarci all’interno di tutti questi cambiamenti.

La farina per pane Conad ad esempio non è più la stessa. Sapete benissimo che per anni è stata la “Farmo”, ora non più, è cambiata completamente e non può più essere usata al posto di quella, provvedo anche a cancellarla come sostituta nel mix per pane di Felix.
Ora viene prodotta dal Mulino Andriani, per cui la corrispondenza sul mercato è quella con la farina Felicia bio che potete vedere QUI (così vi orientate)

L’attuale composizione: amido di mais, farina di riso, fecola di patate, farina di mais, farina di sorgo, fibra vegetale, addensante: idrossipropilmetilcellulosa

Per certi versi è più semplice e più pulita: non c’è zucchero aggiunto né gomme di guar e xantano, tuttavia la resa è inferiore rispetto alla Farmo

Per la ricetta ho seguito la mia solita di prova con il 100% di idratazione, facile, veloce e senza l’utilizzo di strumenti elettrici.

Nuova Conad

 

©Pane con nuova Farina Conad@

per due pagnotte di 350 g circa ciascuna

La ricetta pane/base che lo consente e che ho elaborato anzitutto per mia comodità è la seguente:

 

  • 500 g di farina senza glutine per pane Conad (tutto il pacchetto quindi)
  • 500 g di acqua
  • 5 g di lievito di birra secco o 10 g di quello fresco
  • 30 g di olio
  • 8 g di sale
  • Attrezzatura: una ciotola, 1 forchetta, una bilancia, una spatola di silicone, carta forno, farine di spolvero (riso e mais).

Pane di preparazione

  1. Dentro una ciotola di vetro versate l’acqua tiepida di rubinetto, il lievito di birra e l’olio.
  2. Aggiungete la farina e iniziate a mescolare con una forchetta.
  3. Appena sentite che comincia a fare “resistenza” unite il sale e continuate a mescolare.
  4. Se la forchetta non basta più, utilizzate per lavorare una spatola di silicone.
  5. Tappate la ciotola e fate lievitare due orette circa (con le temperature estive ci mette anche la metà del tempo)
  6. Intanto, quando manca circa mezz’ora alla fine della lievitazione, accendete il forno a 220° con la refrattaria dentro.
  7. Trascorso il tempo, infarinate molto bene un foglio di carta forno (con farina di riso e mais o riso e teff) ribaltate sopra l’impasto (che è morbido, ma non scapperà da tutti i lati) e senza lavorarlo né toccarlo con le mani dividetelo in due con una spatola.
  8. Distanziate le due parti e rigiratele, in modo che siano infarinate sia sopra che sotto.
  9. Aspettate ancora 10 minuti e poi infornatele.
    Mi raccomando il forno deve essere bollente!
  10. Cuocere a 220° per 8 minuti e proseguire a 200° per circa 50 minuti. Per questo pane ho vaporizzato due volte con uno spruzzino: una volta appena infornato e la seconda volta dopo circa 5 minuti.
    Sfornatele e fatele raffreddare su una gratella.

Nuova Conad 1

 

Il pane è buono di sapore; con l’alta idratazione la mollica rimane elastica; la crosta invece è piuttosto duretta; il giorno dopo è ancora buono e non sbriciola.
Diciamo che risulta un pane più che discreto, di gran lunga superiore a tutta quella roba già pronta in busta.

Un abbraccio!

Olga

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share