Mi è tornato in mente un esperimento fatto qualche settimana fa, per poter mangiare di nuovo il cous cous (l’ho offerto ai miei amici che non si sono accorti di nulla fino a quando non l’ho mangiato anch’io). Molto buono!

Finto Cous Cous
Prendere quinoa, miglio decorticato e amaranto nella quantità che si preferisce: io per due persone prendo 50 g. di ciascuno e li faccio cuocere (possibilmente a vapore). La quinoa va sciacquata per bene in acqua. Attenzione che il miglio cuoce in minor tempo (a vapore circa 10 m.) mentre quinoa e amaranto possono essere cotti insieme (a vapore 20 m.). Quando tutto è cotto mescolate e avrete davanti i vostri occhi il couscous da condire come vi pare (carne, verdure, pesce), come quello vero insomma. Se non si ha la possibilità di fare la cottura a vapore, cuocete in acqua secondo le istruzioni contenute sulle confezioni.
















Finto cous cous alle verdure

400 g di verdure miste pulite: peperoni, cipollotto, pomodoro, cetriolo, zucchina (io avevo solo pomodori, peperoni e melanzane)
300 g di finto cous cous composto da miglio decorticato, quinoa e amaranto
limone
brodo granulare di verdure
menta fresca
olio e sale

Riducete a dadini tutte le verdure (le melanzane le ho grigliate) e mettetele in una ciotola. Adesso preparate il finto cous cous, le proporzioni tra le varie granaglie sono a vostra scelta, ma io di solito metto la stessa quantità di ognuna. Lavate il miglio, la quinoa e l’amaranto lasciando in ammollo e risciacquando almeno 2 volte, l’operazione è necessaria soprattutto per la quinoa che è un po’ amara e con il lavaggio perde questa caratteristica. Per la cottura potete scegliere di bollire il tutto per 15-20 minuti circa o meglio di cuocere a vapore sempre per 20 minuti circa. Io ho cotto a vapore con il Bimby mettendo il finto cous cous nel cestello piccolo che va dentro il Bimby… mettendo 600 g di acqua in cui avevo sciolto 2 cucchiaini di brodo granulare: 20 m. a Varoma vel.1.
Quando è cotto aggiungerlo alle verdure e condire con olio, limone, sale e menta spezzettata.

Lo preparo spesso nella stagione estiva ed è sempre ottimo
P.S. questo è un condimento per il cous cous di semola, indi basta sostituire e potete prepararla tutti

Ricetta da me pubblicata su Cucinainsimpatiainsimpatia il 7 dicembre 2006

Finto Cous Cous Senza Glutine
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:         

11 Commenti in “Finto Cous Cous Senza Glutine

  • 14 giugno 2010 at 11:02
    Permalink

    quindi mi dici che questo miscuglio di cereali fa le veci del cous-cous?
    lo sai che mi dai una grande notizia? sento così tanto la mancanza del cous-cous…

    avevo provato a sostituirlo con grano saraceno, ma nlon è la stessa cosa…

    Rispondi
  • 14 giugno 2010 at 11:31
    Permalink

    Sì Gaia, occorre solo fare attenzione alla cottura… altrimenti rischi il pappone.
    Il grano saraceno ha un sapore troppo deciso e particolare… diciamo che funge più da sostituto dell'orzo…
    Provaci e vedi se ti piace :-)

    Un bacione cara!

    Rispondi
  • 14 giugno 2010 at 11:34
    Permalink

    Dimenticavo: adesso è uscito il Cous cous di mais della Nutrifree… non è malaccio, lo hai provato?

    Rispondi
  • 6 settembre 2014 at 17:47
    Permalink

    Io il cous cous lo faccio soltanto con quinua. E va molto bene.

    Rispondi
  • 15 ottobre 2014 at 18:57
    Permalink

    Ciao! Stasera ho prova a cuocere l'amaranto a vapore…Ho il Companion della Moulinex (un sosia del Bimby per capirci)…Ma non è venuto! :-( Ho dovuto metterlo in pentola e cuocerlo con l'acqua…Come lo cuoci a vapore tu?

    Rispondi
  • 15 ottobre 2014 at 19:18
    Permalink

    O uso la funzione vapore del microonde, oppure dentro al secchiello del bimby… strano non si sia cotto. Ad ogni modo anche se lo cuoci in acqua va bene lo stesso, l'importante è che non diventi sfatto.

    Rispondi
  • 10 febbraio 2015 at 13:05
    Permalink

    Bella ricetta. Non ho mai usato l'amaranto. Per il cous cous si può usare solo amaranto o bisogna per forza usare anche quinoa e miglio? Grazie.

    Rispondi
  • 11 febbraio 2015 at 6:23
    Permalink

    È meglio affiancarlo almeno ad un altro dei due (preferibile la quinoa), perché l'amaranto cotto da solo tende ad assumere una leggera consistenza gelatinosa. Nella cottura non a vapore, la quinoa va aggiunta dopo 10 minuti avere iniziato a cuocere l'amaranto.

    Rispondi

Rispondi a Martina Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>