Piatto fresco e leggero: la passata in forno dura 15 minuti a 180° direi che si può fare!

Andiamo alla ricetta facile facile, costituisce un piatto unico leggero

teglia

  • 4 zucchine medie
  • 4 pomodori medi
  • 250 g di formaggio a pasta filata (ma io ne ho messo di meno)
  • origano
  • sale e pepe
  • olio extra vergine di oliva

Affettate le zucchine per il lungo ad uno spessore di circa 5 mm. Grigliatele appena su una piastra unta di olio. Affettate i pomodori ed eliminate i semi e l’acqua di vegetazione.
Ungete una teglia (la mia di 24 cm, ma va bene anche una di 26) con un po’ di olio e alternate uno strato di zucchine, uno di pomodori e uno di formaggio a fettine sottili. Condite con un filo d’olio, origano, sale e pepe e infornate a 180° per circa 15 minuti massimo 20.
Lasciate intiepidire un pochino e servite.

Un abbraccio :)

Teglia di Pomodori e Zucchine
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:         

5 Commenti in “Teglia di Pomodori e Zucchine

  • 16 luglio 2012 at 5:10
    Permalink

    Quella di Minosse non l'ho capita (forse perche' non sono in Italia??? Magari poi me la spieghi) ma la teglia e' bellissima e mi fa venir voglia d'estate e verdure estive!

    Ciao
    Alessandra

    Rispondi
    • 16 luglio 2012 at 5:57
      Permalink

      Ciao Ale! Si per tua fortuna non sei in Italia. Hanno preso l'abitudine di dare un nome alle ondate di caldo: la prima si chiamava Scipione (e va bene); la seconda Caronte (e si capisce, caldo=inferno); la terza Minosse e ci deve essere una vita segreta di questo re che evidentemente ignoro, perché con il caldo non ha proprio nulla a che fare. A meno che non ci siano fonti segrete e note soltanto ai "sapientoni" di questo paese, che Minosse sia rimasto tappato dentro al Labirinto con il Minotauro e sia schiattato dal caldo. Mi spiace ma io questo uso a sproposito non lo sopporto: un mito che e' legato al mare Egeo, all'espressione del "Filo di Arianna", va a finire che viene ricordato per il caldo!

      Grazie :)

      Rispondi
  • 16 luglio 2012 at 16:36
    Permalink

    Oddio appena ho visto la foto ho pensato ad una roba immangiabile che mi hanno propinato a Dublino la settimana scorsa spacciandomela per una specialità italiana! Poi ho letto la tua ricetta e mi sono rifatta gli occhi, quasi quasi la porto ai signori dello pseudo ristorante italo-ispano-irlandese.

    Rispondi
    • 16 luglio 2012 at 17:09
      Permalink

      Ahahahahah! Miii mi sono rifatta in calcio d'angolo! Fammi sapere poi come ti finisce con gli italo-ispano-irlandesi 😉

      Un abbraccio :)

      Rispondi

Rispondi a Felix Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>