Realizzati con la trafila biscotti del Torchio Kenwood, si fanno rapidamente.
Li ho trovati ottimi,  a metà tra un frollino ed un biscotto da inzuppo, profumano di “nonna” e di “casa”

Biscotti Al Torchio

Per realizzarli ho adattato senza glutine la ricetta di Claudia I Frollini e ho dimezzato le dosi.

250 g di farina senza glutine per dolci (io ho fatto metà Mix C ed ho finalmente finito il sacchetto e metà Mix  Di Farine Naturali Senza Glutine per Crostate, Torte Salate, Biscotti)
100 g di zucchero
60 g di burro
6 g di lievito per dolci (consentito dal prontuario Aic)
1 uovo intero
1 tuorlo
2 cucchiai di latte
1 cucchiaino di Rum
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Ho riunito tutti gli ingredienti nella ciotola dell’impastatrice, azionato e lavorato circa 1 minuto vel. 3-4.
Appena inizia a compattarsi spegnete.
Fate passare i pezzetti di pasta nella trafila biscotti, variando la forma. A me questa operazione non ha creato difficoltà.
Cuocete i biscotti in forno caldo a 190° per 15 minuti circa.

Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 25 settembre 2009

Biscotti Senza Glutine Al Torchio
Stampa&Invia...
Condividi:
Share
Taggato in:                 

10 Commenti in “Biscotti Senza Glutine Al Torchio

  • 15 giugno 2010 at 7:16
    Permalink

    questi son l'unico motivo per cui rimpiango di non avere il kenwood

    come me li ricordo….

    Rispondi
  • 15 giugno 2010 at 22:05
    Permalink

    Questi frollini sono meravigliosi, assomigliano a quelli glutinosi; anche io li ho fatti con il torchio e vengono bene.
    Ho sistemato il link nella ricetta che ho nel mio blog….
    Baciotti a tutte e due

    Rispondi
  • 17 giugno 2010 at 20:41
    Permalink

    Ciao ragazze, questi biscotti sono stupendi! scusate se non ho commentato in questa settimana ma sono in vacanza, appena torno mi "arresetto" un pochino e riprendo il ritmo.
    un bacione grandissimo

    Rispondi
  • 17 giugno 2010 at 21:18
    Permalink

    Mizze Sonia mi ero preoccupata!
    Un abbraccio e "arresettati" in fretta 🙂

    Rispondi
  • 15 marzo 2012 at 13:40
    Permalink

    ciao felix, leggo che hai il kenwood… come ti trovi? ho già posto la stessa domanda a cappera ( che ha il kitchenAid) sono indecisa tra i due..:(

    Rispondi
  • 15 marzo 2012 at 16:25
    Permalink

    Ciao Fra 🙂 Io per la verità li ho tutti e due: Ken e Ka (adesso è troppo lungo spiegarti com'è che me li ritrovo entrambi)
    Ti posso dire che si equivalgono come efficienza nell'impasto, la scelta tra i due la fai sugli accessori che ti interessano. Es: il KA ha un mulino macinagranaglie meraviglioso, mentre quello Ken è molto meno potente. Viceversa il torchio del Ken è tutto in bronzo pesante e funziona una meraviglia, mentre quello del KA ha quasi tutte le parti in plastica…
    E poi in ultimo l'aspetto estetico: il KA è più vintage, il ken più moderno

    Rispondi
  • 15 marzo 2012 at 17:01
    Permalink

    grazie felix, io sono più orientata verso il ken (è da un po' che ho puntato km040), e mi interessava sapere come se la cava soprattutto con gli impasti ( pane e dolci), e chi meglio di un'esperta come te….

    Rispondi
  • 15 marzo 2012 at 17:21
    Permalink

    Vai tranquilla con il Ken impasta che è una meraviglia tutto pane e dolci. Inoltra monta tutto a perfezione 😉
    Inoltre ha un'assistenza capillare sul territorio mentre il KA no solo due punti assistenza in tutta Italia!

    Rispondi
  • 4 maggio 2015 at 19:55
    Permalink

    Se riesco a farmi regalare la macchinetta da mia mamma (ha quella a manovella con le trafile di bronzo, per la pasta e per i biscotti) li farò sicuramente!! son troppo buoni !!! :*

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.