I piatti con la polenta non hanno bisogno secondo me di alcun commento, sono buoni e basta! Nei due anni che ho abitato saltuariamente a Sondrio ho mangiato taaaanta polenta (taragna): e lì è eccezionale davvero, cotta nel paiolo di rame sul fuoco del camino…

Polenta spinaci e gorgonzola
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 10 dicembre 2006

  • 350 g di farina di mais
  • 300 g. di spinaci
  • 220 g. di gorgonzola
  • 100 g. di parmigiano
  • latte q.b.

Lessare gli spinaci in poca acqua, strizzarli e tritarli, cuocere la polenta (350 g. di farina di mais in 1, 250 l. d’acqua). Quando la polenta è cotta ammorbidirla con un po’ di latte e aggiungere gli spinaci. Imburrare una pirofila, fare uno strato di polenta, mettere il gorgonzola (quasi tutto), un po’ di latte ed il parmigiano. Fare un altro strato mettere il gorgonzola rimasto ed il parmigiano. Fare gratinare in forno per 15-20 m. circa a 230°.

Polenta Spinaci e Gorgonzola
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:         

9 Commenti in “Polenta Spinaci e Gorgonzola

  • 22 novembre 2010 at 10:41
    Permalink

    Felix… ha un aspetto estremamente godurioso!!! una sicula polentona 😀 =)) brava davvero
    bacioni :X

    Rispondi
  • 22 novembre 2010 at 10:59
    Permalink

    adoro la polenta, così condita deve essere una bontà unica :p
    buonissima!!!
    buon lunedì!

    Rispondi
  • 22 novembre 2010 at 13:50
    Permalink

    Figuriamoci se a noi polentoni del nord non piace questa ricetta!!!!
    Però mi sembra che piaccia anche al sud…..
    Bacio

    Rispondi
  • 22 novembre 2010 at 17:50
    Permalink

    La polenta è per sua natura democratica ed interregionale ed io l'adoro in tutte le sue forme e manifestazioni. :X
    Salve, mi presento, scrivo da Pescara, nickname "domedì" come si addice ad una a cui manca qualche venerdì ed anche qualche domenica.
    Un anno fa mi sono ritrovata celiaca lì per lì (a 60 anni… ma che roba) e l'ho presa malissimo, ma siccome bisognava pur continuare a mangiare, tambasiando nel web ho scoperto CIS ed un mondo di blog, tra cui questo, che mi hanno aiutato a superare lo choc e soprattutto ad evitare i prodotti per celiaci pieni di grassi e conservanti (curavo la celiachìa ma rischiavo un colesterolo da medaglia d'oro alle Olimpiadi dei Trigliceridi) vi devo molto.
    Orbene, avvicinandosi Natale mi sono decisa ad uscire allo scoperto in cerca di consigli e ricette. Comincio subito: c'è qualche trucco per rendere i nostri cantuccini un po' più duretti?
    Ci sono alcune novità per quello che riguarda ricette di panettone e pandoro sg?
    Grazie e complimentissimi.
    P.S. Un saluto anche dal consorte e dalle mie quattro gattone spiaggiate come foche nei pressi dei termosifoni. 😉

    Rispondi
  • 22 novembre 2010 at 19:56
    Permalink

    Buonasera ragazze! :)

    Avete ragione la polenta non ha confini!

    @domedi: intanto benvenuta Cara! Hai gi provato a ritostare i biscotti per qualche minuto dopo averli tagliati in losanghe?
    Appena mi riprendo un attimo… Con Manu riproviamo qualche ricetta di panettone e pandoro….
    Intanto ti abbraccio e un bacione affettuoso a tutte :X

    Rispondi
  • 22 novembre 2010 at 23:15
    Permalink

    la dieta vacilla, eh?

    adoro la polenta al forno con formaggi e verdure, ne ho in serbo anche io una da postare quasi identica! che sia la stagione? 😉

    Rispondi
  • 23 novembre 2010 at 10:00
    Permalink

    Si si ho proceduto con i cantucci così come procedevo per quelli glutinosi (me la cavicchio tra i fornelli) quindi li ho ripassati per la tostatura di rito. Vuol dire che continuerò a far prove, con grande pericolo per il mio giro vita ma con grande gioia del consorte che si offre regolarmente come cavia anche se non è celiaco (ma ghiottone sì).

    Rispondi
  • 23 novembre 2010 at 16:49
    Permalink

    @Gaia: sempre a dietissima sono!

    @Domedi: prova a mescolare una farina per pane tenace come l'agluten alla farina per dolci 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>