Quanto tempo è passato da questa ricetta.
Nacque per caso: usavo solo l’Agluten per panificare, ero rimasta senza e la dovetti mescolare con il Mix B… stupore… il pane era diventato buonissimo!
Il Mix B da solo no, l’agluten da sola no… insieme combinate avevano fatto il pane buonissimo… con questa io capii che bisognava lavorarci su e che occorreva provarle tutte per cavare il sangue dalle rape 😉

La ricetta non ha bisogno di essere riadattata o quanto altro, rimane valida così com’è, dovete solo usare degli stampi per la cottura, perché il composto è molle…
E’ piuttosto semplice da realizzare, non ci sono tremila farine e la lievitazione è una e diretta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©Panini al latte senza glutine©
la riscrivo esattamente come la pubblicai la prima volta su Cucinainsimpatia il 26 marzo del 2007

  • Ingredienti
  • 230 g di mix B
  • 150 g di farina agluten per pane (non ne avevo altra, sto aspettando il farmacista)
  • 370 g di latte
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 8 g di lievito di birra
  • uovo per spennellare

    Inserire nel cestello della macchina del pane il latte, l’uovo, il sale, lo zucchero, la farina e per ultimo il lievito. Impostare il programma impasta e lievita e fare lavorare la macchina. Al termine prendere l’impasto con il cucchiaio (panini grandi) o cucchiaino (panini mignon) e metterlo nelle formine da muffin unti. Lisciare la superficie con un dito bagnato nell’acqua. Fare lievitare ancora 30 m. circa in forno tiepido. Portare il forno a 200° e intanto spennellare con l’uovo frullato con un pizzichino di sale e cuocere per 20 m. circa.

La differenza tra quello piccolo (che è più carino a vedersi) e quello grande

L’ avere miscelato le due farine mi ha consentito di ottenere un risultato che mi ha soddisfatto anche nel gusto (il retrogusto del mix B è sparito  )
Sono buonissimi e molto morbidi…

Panini al Latte del Ricordo
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:         

24 Commenti in “Panini al Latte del Ricordo

  • 7 marzo 2012 at 6:54
    Permalink

    buongiorno Olga, ma sono meravigliosi..li preparerò per Silvia… :O) lei è qui vicino a me.. ti manda un bacino
    e adesso a scuola.. ciao buona giornata..

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 9:07
    Permalink

    Ecco come nasce un genio!
    Nessun "plagiatore" mai ebbe un panino del ricordo così prezioso :)
    Non pentirti mai di nulla ricordati che NOI ti adoriamo!!!
    P.S. ma il giorno dopo come sono?

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 9:45
    Permalink

    scusa ma per chi non ha la macchina per la pasta??

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 9:52
    Permalink

    Grazie ragazze :)

    @Anonimo/a: usa le frustine a spirale del frullino a mano (o della impastatrice) e poi mette l'impasto a lievitare 1 ora e 30 minuti

    @Annina: buoni, son buoni… tendono leggermente al secchino, ma neanche in modo eclatante

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 9:54
    Permalink

    Stupendi, li farò.
    Secondo te l'impasto può andare bene anche per provare a fare il pan carrè? Necessito assolutamente di un buon pan carrè quelli in commercio non mi piacciono per niente (ma và?!) vuoi per retrogusto, vuoi per la consistenza, ecc.
    GRAZIE!

    Silvia

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 10:22
    Permalink

    Certo Silvia! Basta versare l'impasto dentro uno stampo da plum cake, però lo devi far cuocere un pochino di tempo in più circa 40 minuti…

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 11:08
    Permalink

    ah ecco come è nato tutto!!! questi panini hanno una aspetto tanto tanto invitante, da tagliare a metà e farcire con un chilo di crudo! :-)) bacioni cara .-XX

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 14:24
    Permalink

    Galeotto fu il panino e chi lo impastò :DDDD
    Prova e impasta sempre che noi ne godiamo!!!!!
    Sei grande!

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 15:05
    Permalink

    Questi me li ricordo, rimasi senza parole quando li vidi la prima volta.

    Baciottini da me

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 16:36
    Permalink

    Quindi tutto nasce da una mancanza… ma poi che MERAVIGLIA! Questa ricettina cade giusta giusta per i prossimi preparativi per la Cresima dimio figlio, grazie Felix, sei strepitosa!

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 19:20
    Permalink

    Sembrano babbà! mi ritrovo con la mix it avevo pensato di miscelarla con Nuova terra, sono le due farine x pane che per ora sono riuscita a trovare, che dici,andrebbero bene? nuova terra mi piace molto, la uso per la pizza ho fatto i panini sono sofficissimi con il sapore del riso 😀

    Rispondi
  • 7 marzo 2012 at 20:36
    Permalink

    Grazie a voi ragazze :)

    @Vicky: ma no continua ad usarla da sola la Nutrifree se la mescoli al mix it ne peggiori l'elasticità 😉

    Rispondi
  • 8 marzo 2012 at 19:11
    Permalink

    ok grazie! ho provato la nuova terra con la farina di soia,resta più bassa la lievitazione,non è un granchè, ciao cara buona festa delle donne!

    Rispondi
  • 10 aprile 2012 at 16:23
    Permalink

    Secondo voi posso provare a cuocerli direttamente nella mdp versando l'impasto nello stampo per baguette (con il relativo programma cottura di 40minuti circa) ??

    Rispondi
  • 10 aprile 2012 at 16:39
    Permalink

    Si ma riempi gli stampini a meta' mi raccomando 😉

    Rispondi
  • 10 aprile 2012 at 20:01
    Permalink

    Appena sfornati, tutto nella mdp, prima programma "impasta e lievita" poi programma "Cottura Baguette"…4 sfilatini morbidi e dorati!Buonissimi!Gonfiano tantissimo!
    Non c'è niente da fare, le vostre ricette son sempre perfette!
    Grazie e alla prossima,
    Maria 😉

    Rispondi
  • 25 settembre 2019 at 15:10
    Permalink

    Ciao, é possibile sostituire il lievito di birra con il li.co.li? E se sì, in che modo varia la ricetta? Grazie.

    Rispondi
    • Felix
      26 settembre 2019 at 19:05
      Permalink

      Ciao Daniela :)
      utilizza 150 g di licoli e diminuisci di circa 30 g la quantità di latte.
      Tieni presente che l’impasto è morbido e va cotto dentro gli stampini.

      Fammi sapere :)

      Rispondi

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>