Appena trovato in negozio, subito preso e subito provato :)

Ho seguito esattamente quanto indicava la ricetta sul retro della confezione: sono rimasta contenta, la ricetta è precisa ed effettivamente si ottiene un pane di circa 700 g di peso (il mio poco più di 710 da freddo).

E’ facile da usare seguendo le indicazioni ed in poco tempo si ha davvero un buon pane :)

Vi scrivo gli ingredienti (non pochi) e vi anticipo che NON è senza latte e lattosio: Amido di mais, farina di teff marrone (16 %), farina di riso, amido di tapioca, semi di girasole (3%); addensante: gomma di xantano; semi di lino (2%), proteine di lupino, siero di latte in polvere, destrosio, sale, agenti lievitanti: difosfato disodico, carbonato acido di sodio; amido di patata, lecitina di soia, caramello semplice, proteine del latte; stabilizzante: gluconodeltalattone.

pane intero

 

©Pane Nero con Preparato Massimo Zero©

La ricetta è quella sulla scatola ed è veritiera

  • 450 g di di preparato per pane nero senza glutine (quindi tutta la busta)
  • 350 ml di acqua
  • 30 g di olio di oliva
  • 15 g di lievito fresco o 7 g di lievito di birra secco (io l’ho usato secco)
  • manca l’indicazione del sale: io non l’ho messo, tuttavia se lo volete più saporito aggiungetene mezzo cucchiaino

Io ho mescolato il lievito secco alla farina e con l’impastatrice ho iniziato a lavorare aggiungendo mano mano l’acqua. Quando questa era tutta assorbita ho unito l’olio e lasciato lavorare l’impastatrice per buoni 5 – 6 minuti.

Nel frattempo ho unto ed infarinato uno stampo da plum cake, sceglietelo di non più di 25 cm.

Ho versato l’impasto, che si presenta appiccicoso ma sostenuto: non è né liquido né cremoso per intenderci, e livellato bene la superficie.

Ho coperto con un telo di cotone e fatto lievitare 1 ora e 10 minuti circa, dovete trovarlo raddoppiato di volume.

Accendete il forno e portatelo a 200° e cuocete per 50 minuti.

Io per la cottura ho poggiato lo stampo sulla refrattaria che avevo scaldato con il forno.

Sfornate, toglietelo dallo stampo e fatelo raffreddare bene prima di affettarlo: si affetta facilmente.

fetta1

 

Il pane ha un ottimo profumo ed un buonissimo sapore, non ho percepito alcun tipo di retrogusto anzi è saporito per via dei semini.

Viene ben asciutto dentro e con la crosta croccante

fetta2

Le referenze le ho prese tutte, per cui ho da provare quella tutti usi nel pacco da 1 kg e il preparato specifico per pane bianco :)


A distanza di qualche giorno ho rimesso le mani su questo mix, stavolta discostandomi dalla ricetta sul pacco e facendo molta più attenzione ai tempi di lievitazione. Mi ero accorta che il mix aveva margini di miglioramento, per cui valeva la pena tentare. Devo dire che così è praticamente identico al pane nero (con glutine) :)

pane Massimo Zero

  • 450 g di di preparato per pane nero senza glutine (quindi tutta la busta)
  • 400 ml di acqua
  • 30 g di olio di oliva
  • 9 g di lievito di birra secco (io ho usato la bustina che si trova nel pacco della Glutafin)
  •  mezzo cucchiaino di sale

Io ho mescolato il lievito secco alla farina e con l’impastatrice ho iniziato a lavorare aggiungendo mano mano l’acqua. Quando questa era tutta assorbita ho unito l’olio e lasciato lavorare l’impastatrice per buoni 5 – 6 minuti.

Nel frattempo ho unto ed infarinato lo stampo che è quello di Emile Henry tutto in terracotta con coperchio.

Ho unto il tappetino di lavoro con olio di oliva ci ho messo sopra l’impasto e l’ho rigirato sul tappeto con le mani unte, in modo da dargli forma cilindrica e farlo bello liscio in superficie.

Ho trasferito l’impasto dentro lo stampo ho spruzzato la superficie con una emulsione di acqua e olio e messo sopra i semini e i fiocchi d’avena ed ho chiuso con il coperchio dello stampo.

Adesso, poiché deve lievitare non più di 40 minuti (max 50 minuti) potete subito accendere il forno per portarlo a temperatura insieme alla refrattaria (che con lo stampo usato è di 230°)

 

Trascorsi i 40 minuti (max 50 e non sforate questi tempi) infornate e cuocete per 1 ora a 230° se avete lo stampo come il mio, altrimenti a 200°, in entrambi i casi sempre poggiando lo stampo sulla refrattaria.

massimo zero fette

 

Il pane è leggerissimo: tutto il pagnottone pesa 750 g da freddo.
La mollica è morbidissima e asciutta, ma non secca.

Buono per davvero: il mix è senza grano saraceno :)

Alla prossima! Un abbraccio!

Olga

p.s. questo lo stampo che ho usatoBreadtopia-Emile-Henry-Bread-Loaf-Baker

Pane Nero con Preparato Massimo Zero
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share

5 Commenti in “Pane Nero con Preparato Massimo Zero

  • 16 maggio 2017 at 11:55
    Permalink

    Io sto facendo or ora le prove con quella bianca ed il Li.co.li, il sapore è ottimo, spero di trovare presto anche quella per il pane nero.
    Ho fatto una pizza ed è venuta benissimo (benchè il mio Li.co.li sia un po’ restìo e ci voglia un po’ per fargli capire che deve far lievitare l’impasto, poi però quando capisce, va che una meraviglia).

    Rispondi
  • 26 luglio 2017 at 10:43
    Permalink

    Ciao….. Bellissimo! Ti volevo chiedere la misura dello stampo….. E se lo hai cotto con il comperchio… Grazie

    Rispondi
    • Felix
      26 luglio 2017 at 11:13
      Permalink

      Ciao Enrica :)
      24 cm per 7,5 di altezza e cotto con il coperchio
      Grazie a te cara :)

      Rispondi
  • 22 ottobre 2017 at 15:18
    Permalink

    A me la mollica è rimasta un po’ umida…forse perché non ho refrattaria ed ho usato la leccarda rovesciata?

    Rispondi
    • Felix
      7 novembre 2017 at 19:05
      Permalink

      Doveva probabilmente cuocere un po’ di più affinché si asciugasse bene

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>