Mettendo mano al fondo della dispensa trovai un pacchetto di questo mix all’Avena a marchio Liberaire. Ho provato così a fare il pane utilizzando il Li.Co.Li.

Questa l’etichetta con gli ingredienti del mix, come potete leggere un mix di ingredienti semplici, biologici, e senza zuccheri aggiunti.

mix avena etichetta

 

Lì per lì assaggiato tiepido non mi aveva convinto, sentivo la crosta un tantino dura e la mollica un po’ troppo umida. Il giorno dopo invece è risultato un pane completamente diverso: la crosta si era normalizzata, la mollica era giusta ed il sapore ottimo. In parte l’ho congelato a fette e scaldato un attimo è davvero molto buono.

Così ho deciso di pubblicarlo, non si sa mai avete voglia di comprarlo, Vi piace l’avena, vi piacciono questi pani rustici e integrali, avete voglia di un mix biologico oppure semplicemente lo avete in dispensa come è successo a me.

La ricetta, con le opportune modifiche è quella che ho utilizzato per il Pane con il Mix It Rustico Schär che trovate QUI

 

pane all'avena

©Pane Integrale con Licoli e Mix all’Avena Liberaire©

Per la biga poolish

  • 140 g Mix Avena Liberaire
  • 240 g Acqua
  • 15 g di lievito madre senza glutine in coltura liquida (licoli) (se avete il lievito di birra fresco usatene 1 g; se lo avete secco dovreste dividere 1g per 3,29. Eh sì lo so che state pensando: questo sarebbe il calcolo, voi andate ad occhio 😅)
    La sera prima mescolare acqua farina e lievito madre e far maturare per circa 14 – 16 ore

Per l’impasto finale

  • tutto il poolish
  • 150 g acqua
  • 360 g di Mix Avena Liberaire
  • 85 g di licoli (se avete il lievito di birra fresco usatene 8,5 g; se lo avete secco dovreste sempre dividere 8,5 g per 3,29, sono poco meno di 3 g comunque).
  • 3 cucchiai olio
  • 8 g di sale

Impastare bene tutti gli ingredienti con l’ausilio dell’impastatrice o di un frullino elettrico con le fruste a spirale. Appena l’impasto è pronto, rigirarlo molto delicatamente sul piano di lavoro infarinato leggermente con farina di riso in modo da dargli una forma regolare e porlo dentro un cestino ovale idoneo per la lievitazione del pane, molto bene infarinato con farina di riso (meglio se quella integrale).
In mancanza, usare uno scolapasta rivestito di un telo molto bene infarinato e far lievitare in luogo tiepido. Io ho lasciato lievitare dentro il forno spento e solo con la lucina accesa.
Quest’ultima crea un ambiente ottimo, simile ad una camera di lievitazione, perché dentro si raggiunge agevolmente una temperatura di circa 25°. Il mio impasto ha impiegato circa 5 ore per raddoppiare.

Tuttavia se volete stare più sicure, visto anche che ogni lievito madre ha i suoi tempi, utilizzate il trucco della c.d. spia di lievitazione. Prendete una pallina piccola di impasto e immergetela dentro un bicchiere con l’acqua, la pallina subito andrà a fondo, non appena verrà a galla è segno che l’impasto è pronto per la cottura. Vi faccio vedere:

collage pallina1

 

È un metodo che potete utilizzare sempre con ogni tipo di impasto e sono sicura che vi aiuterà molto.
Ricordatevi che il bicchiere deve stare nello stesso luogo dove avete messo l’impasto a lievitare, altrimenti si rischia di far stare impasto e pallina in due luoghi con temperature diverse e quindi il metodo non servirà a nulla.
Questo vuol dire che io avevo posizionato il bicchiere in forno accanto all’impasto in lievitazione.
Adesso che avete l’impasto pronto da cuocere portate il forno alla temperatura di 230° con la pietra refrattaria dentro.
Ribaltate molto delicatamente il pane su un foglio di carta forno e spennellatelo (poco) con acqua e olio.
Infornare a 220° per 10 minuti; poi abbassare a 200° per 15 minuti; poi proseguire a 180° per circa 45 minuti.
Prima di sfornare, bussate il pane sotto e se suona vuoto è pronto, fate attenzione perché è un impasto molto idratato, per cui se non lo cuocete bene e lentamente rischia di restare umido dentro e pesante.

Pane Avena interno

 

Un abbraccio e alla prossima!

Olga

Pane con Mix all’Avena Liberaire
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>