Avevo adocchiato questi biscotti da qualche giorno, alla fine mi sono decisa e li ho preparati per avere un dolcino da sgranocchiare oggi che compio gli anni (son 49… da brivido… siamo ormai alla soglia dei 50).
Il dolce più strutturato lo preparerò per sabato e pubblicherò anche quello: sarà una golosità messinese, per la quale da bambina stravedevo letteralmente.

Tornando ai biscotti: per realizzarli ho usato il mio mix di farine naturali per la frolla ed ho adattato una ricetta con glutine che trovate qui: Biscotti Uzbekiapprofitto anche per ringraziare l’autrice, per la ricetta precisissima.
Noi in Italia usiamo la ricotta nell’impasto, mentre nella ricetta tradizionale viene utilizzato un formaggio tipico della regione uzbeka, dal gusto leggermente acidulo (come un formaggio di Kefir per intenderci).

Nell’impasto non ci sono uova e non è così difficile da realizzare: essendo una finta sfoglia, il burro non va incorporato con i giri canonici, anche se io consiglio di dare comunque qualche giro all’impasto pronto (con piega a tre), perché qualsiasi impasto contenga un grasso, se “girato”, tende ad alleggerirsi e sfogliare anche poco, acquisendo fragranza.

uzbeki 3

©Biscotti Uzbeki gluten free©

per il mix frolla ho mescolato:

  • 115 g di amido di mais
  • 32,5 g di fecola di patate
  • 110 g di farina di riso finissima
  • 4 g di xantano (potete arrivare fino a 5 g se volete sentirVi più sicuri)

da questi ho prelevato i 150 g di farina che servivano per la ricetta che segue

  • 200 g di ricotta (o Philadelphia o un formaggio Quark)
  • 100 g di burro morbido
  • 6/7 g di lievito per dolci
  • 150 g del mix di cui sopra
  • un pizzico di sale
  • zucchero e confettura (io di albicocche) q.b.

Procedimento:

Impastate insieme molto bene (io ho utilizzato l’impastatrice con la frusta kappa) burro, ricotta, farina, lievito e un pizzico di sale. Otterrete un panetto morbido, ma compatto e non appiccicoso che ho fatto riposare in frigo per un’ora circa.

Questo è il panetto prima di finire in frigo.

Uzbeki

Trascorso questo tempo stendete l’impasto su un piano infarinato leggermente con farina di riso ( e accendete anche il forno: modalità ventilato a 200°)
A questo punto provate a realizzare le “girate” come si fa per la pasta sfoglia (pieghe a tre o pieghe a quattro) in questo modo l’impasto si uniforma, si alliscia, si alleggerisce e diventa fragrante. Finiti i giri, potete darne tre di seguito, o comunque fino a che non vedete l’impasto ben liscio, stendetelo  ad un’altezza di circa 3 millimetri e ritagliate dei dischi di 8 cm di diametro.

Mettete al centro di ogni disco un pochino (poco mi raccomando) di confettura e piegate i dischi in due e poi in quattro, formando una specie di ventaglio.

uzbeki 1

Passate i ventagli nello zucchero semolato.
Sistemate i biscotti su una teglia rivestita di carta forno
Infornate sul ripiano più basso del forno, abbassate a 180° e cuocete così per 10 minuti. Poi passate in modalità statico per altri 10 minuti portando la teglia a metà forno

uzbeki 2

Sono squisiti, ne ho mangiati tre di seguito 😁, la consistenza è fragrante e sfogliata all’esterno e morbida al cuore.

Vi abbraccio!

Olga

Biscotti Uzbeki Gluten Free
Share
Taggato in:                             

2 Commenti in “Biscotti Uzbeki Gluten Free

  • 20 febbraio 2021 at 19:23
    Permalink

    Tanti auguri in ritardo cara Olga!!!
    Che bontà domani compro la ricotta e li provo.
    Attendo con ansia anche il dolce messinese
    😉 quanto mi mancano la pignolata e quei dolcetti col cedro candito che compravamo sempre coi miei quando prendevamo il traghetto…

    Rispondi
    • Felix
      22 febbraio 2021 at 23:40
      Permalink

      Grazie! Pubblicherò l’altro dolce a brevissimo 😉 ma non è la pignolata (che comunque intendo riprodurre) né i dolcetti con il cedro candito (che non dovrebbero essere difficili da rifare senza glutine).

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>