Ho risvegliato il mio lievito madre senza glutine dal suo sonno in frigorifero, durato la bellezza di di 1 mese e mezzo.
Non mi ha dato alcun problema, già dopo il primo rinfresco era bello arzillo!
Inserisco foto e ricetta del pane preparato stamattina e del pane realizzato a giugno sempre con il lievito madre...

 Come potete vedere ho usato poco lievito madre rispetto alla dose di farina… ci ha messo ovviamente di più a lievitare… e siccome era lievitato e pronto per le 23 circa, e non mi andava affatto di stare lì a fare il pane in notturna… ho preso la ciotola e l’ho infilata in frigorifero… a domani!

Stamattina presto ho acceso il forno (un sacrificio enorme sic!) ed ho proseguito a fare il pane…
Per l’esattezza ho prodotto 979 g di pagnottine piccine e leggerissime! :-)
Tutto il procedimento dall’impasto alla cottura lo leggete poco più giù….








e il pane di giugno….

Ho sciolto il lievito madre nell’acqua tiepida e aggiunto lo zucchero, ho lasciato riposare 10 minuti.

Poi con l’impastatrice in funzione ho unito la farina cucchiaio per cucchiaio e solo alla fine il sale e l’olio.
Ho lasciato lavorare per 5 minuti a velocità sostenuta.
Fatto lievitare il tempo che ci vuole, dipende ovviamente dalla quantità e dall’energia del LM che usate.
Il mio consiglio è quello di farlo lievitare bene, di non avere fretta. E’ meglio se triplica di volume (e questo vale anche se usate il lievito di birra) perché otterrete un impasto più stabile, migliore da lavorare.
Quando era bello gonfio l’ho scaravoltato su un piano infarinato con il Mix it! DS la farina migliore per spolverare il piano di lavoro, l’unica che quasi non viene assorbita dall’impasto.
Senza toccarlo con le mani e senza rilavorarlo quindi, l’ho porzionato con una spatola di metallo, spolverato ancora di farina in superficie, coperto con un telo e fatto riposare il tempo che il forno si arroventasse bene con la refrattaria dentro (30-40 minuti ci vogliono tutti) a 250°. Tenete sempre presente che il calore del forno è fondamentale per la riuscita, il 50% della bontà del pane dipende dalla sua cottura.
Lo spennellate poco con acqua e olio e infornate a 250° per 10 minuti e 200° per i successivi 30 minuti.

e questo pane che vedete volò in un batter d’occhio, ne avevo fatti due spariti in un giorno… e quindi l’ho rifatto aumentando un po’ la dose di farina…

Tutti i pani sono venuti leggerissimi, con una crosta ottima e fragrante… insomma il pane è molto buono.
Una raccomandazione: quando usate il lievito madre tenete conto che ha già una sua percentuale d’acqua e quindi dovrete essere più parchi nell’aggiungerne rispetto a come fareste nel caso del lievito di birra.
Es: se di solito uso 400 g di acqua su 500 di farina quando adopero il lievito di birra, nel caso del lievito madre diminuisco di 50 g la dose d’acqua

Pane Quotidiano….
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:     

11 Commenti in “Pane Quotidiano….

  • 14 luglio 2010 at 21:01
    Permalink

    Olghina o___O ma sai che il mio lievito madre giace in frigo da circa 5 mesi? :-O
    Domani o al massimo venerdì lo tiro fuori e vediamo che succede 😀
    Questo pane mi ispira non poco e vorrei provarlo :-)
    E' invitantissimo complimenti cara :-*

    Rispondi
  • 14 luglio 2010 at 21:34
    Permalink

    linda domani ti chiamo giuro! Scusami davvero, ma sono straincasinata :-(
    Grazie ciccia, questo ultimo pane venne buonissimo, una leggerezza incredibile, penso che gli abbia giovato il riposo in frigorifero 😉

    Un bacione!

    Rispondi
  • 15 luglio 2010 at 11:54
    Permalink

    ma lo sai che anche io avevo congelato il lievito madre, come consigliato da te, e dopo averlo scongelato a temp. amb. e rinfrescato è ritornato arzillo più di prima!!! l'ultimo pane che ho fatto alle 24h era molto molto lievitato, ma io non sono previgente come te e ho dimenticato di metterlo in frigo, col risultato che è imploso! l'ho usato lo stesso e il pane era buono ma non leggero :-d
    bacioni

    Rispondi
  • 6 novembre 2011 at 13:14
    Permalink

    Proprio un bel blog! Complimenti! Mi fate venire voglia di cimentarmi anch'io!
    Però io ho un problema… sono intollerante anche al mais. Potrei fare il LM usando la farina di grano saraceno al posto di quella dii mais???
    Ciao Marilena

    Rispondi
  • 6 novembre 2011 at 13:52
    Permalink

    Ciao Mari benvenuta! :) Grazie!

    Io lo farei solo di farina di riso oppure ci aggiungerei un pochino di fecola di patate. La farina di grano saraceno rischia di essere preponderante nel sapore e nell'odore. Ma se ti piace puoi mettercela :)

    Se hai bisogno di aiuto siam qua :)

    Rispondi
  • 30 gennaio 2013 at 21:31
    Permalink

    Uff che tristezza ben due tentativi e nulla di soddisfacente, il pane è pesante, tendente al gommoso, anche se il sapore non è male :-( al primo tentativo ho dato la colpa alle sole tre ore di lievitazione (il mio lievito madre ha un mese di vita e ha tante bolle credevo fosse bello attivo), per questo secondo tentativo non so nemmeno a chi dare la colpa, ho dato al mio pane ben sei ore di lievitazione ed ė venuto peggio del primo tentativo… Uff riuscirò mai a fare un pane decente alla mia bimba di 2 anni? Ho fatto anche delle foto ma non so se posso allegarle ed eventualmente come…. Datemi una mano per favore. Grazie ciao Daniela

    Rispondi
  • 1 febbraio 2013 at 9:27
    Permalink

    Ciao Daniela :)
    Non sono le bolle che indicano l'adeguata attività del LM, ma la capacità che ha di formarle entro massimo 4 ore dall'ultimo rinfresco. Se è più lento vuol dire che non è ancora pronto e va rinfrescato continuamente finché non ricresce nel tempo indicato. Prolungare la lievitazione non serve, anzi può essere controproducente, perché l'impasto inacidisce. Puoi mandarmi le foto sia del pane che del LM via mail :)

    Rispondi
  • 3 luglio 2013 at 17:49
    Permalink

    Ciao a tutte! :) io avrei bisogno di preparare del pane di riso integrale… quindi mi chiedevo se fosse possibile usare quella e nel caso se riuscireste a darmi le dosi per provare ad ottenere un buon pane senza utilizzare il lievito madre… (posso utilizzare quello secco?)… fatemi sapere, grazie mille! Buona serata!

    Rispondi
  • 6 gennaio 2014 at 10:00
    Permalink

    Ciao Felix, sono nuova…ho provato a fare la Pm e vorrei cominciare ad utilizzarla solo che leggo che ci vuole l'impastatrice/macchina pane quasi per ogni ricetta oppure non ho tutte le farine indicate nelle ricette…. come faccio senza farmi prendere dallo sconforto? Ho acquistato anche il vostro libro ma cercavo una ricetta dolce da fare a mano…. Help me!! Grazie, Ilaria

    Rispondi
  • 10 febbraio 2014 at 14:41
    Permalink

    Ciao Ily, scusa ma avevo perso il tuo commento.
    Al posto dell'impastatrice puoi usare lo sbattitore manuale quello con due coppie di fruste: con le fruste a spirale ci impasti il pane (sono le fruste per impasti duri) e con le altre fruste ci fai i dolci, tutti i dolci :)
    Quando invece non sai come sostituire le farine, scrivici qui sul blog che ti indichiamo le sostituzioni, anche se nelle pagine dei mix alcune sostituzioni sono già indicate.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>