Avevo inserito su Cis la ricetta delle piadine l’11 dicembre 2006, ed è l’ultima in fondo, poi nel corso dei mesi ne provai altre e quella che mi piace di più è la prima, con lo strutto.
Ve le propongo tutte comunque… perché sono buone ricette, ma soprattutto perché non mi va di omettere nulla di quello che in fondo è un pezzettino della mia vita dedicata a far quadrare queste farine “straniere”

Piadina senza glutine

  • 100 g di agluten (si può fare anche 200 di Pandea)
  • 100 g di Pandea
  • 200 g di mix B
  • 70 g di strutto
  • 250 g circa di acqua
  • mezza bustina di lievito istantaneo per torte salate (come da prontuario AIC)
  • una punta di bicarbonato
  • 1 cucchiaino di sale

Impastare tutti gli ingredienti, fare riposare circa 20 minuti, confezionare le piadine e cuocere sulla piastra apposita antiaderente (testo).
Fondamentale per la buona riuscita della piadina è la cottura, deve cuocere non più di 1 minuto e 30 secondi in tutto!
Vengono buonissime e identiche a quelle glutinose.

morbida si piega che è una meraviglia

Ottime sono ri – volate

 al 14 Aprile 2010
Oggi le ho rifatte con farine diverse che sostavano da un po’ in dispensa: ho fatto 200 g di farina Hero con fibre (che credo la Hero non faccia più) e 200 g di farina senza glutine per pane della Nuova Terra (che è la stessa che si trova in farmacia a marchio Nutrifree)
Sono venute anche questa volta ottime no retrogusto

Piadina senza glutine con l’olio nell’impasto

  • 200 g di agluten
  • 200 g di mix B
  • 50 g di olio
  • 250 g di acqua frizzante
  • 5-6 g di bicarbonato
  • 1 cucchiaino scarso di sale

Impastare tutto (ho fatto a mano) e fare riposare sotto un telo per 30 m. Formare le piadine di 3 mm di spessore e 15 cm di diametro e cuocerle con una padella di ghisa…

Sono veramente buone e morbide, ma per me la piadina vera è con lo strutto
_________________________________________________________
La mia prima Piadina senza glutine

  • 350 g. di farina senza glutine (meglio Bi-Aglut, io ho usato il mix b)
  • 70 g. di burro fuso (olio o strutto, io ho usato l’olio)
  • 260 g. di acqua (possibilmente frizzante) oppure 160 g. di latte e 100 g. di acqua
  • 5 g. di sale
  • 5 g. di bicarbonato di sodio

Impastare tutto (se occorre aggiungere un po’ di farina) fare riposare 30 m. e cuocerle. Ci vorrebbe il testo romagnolo, io invece le ho cotte sulla pietra refrattaria. Ma la pietra non è proprio adattissima, perché tende a rinsecchirle…

Sono buone e leggere

Piadina senza glutine
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                         

13 Commenti in “Piadina senza glutine

  • 18 settembre 2010 at 14:29
    Permalink

    Potrei farle con altr farina? Sai non m'intendo di ricette senza glutine anche se..ho comperato un libro 😀

    Rispondi
  • 18 settembre 2010 at 15:47
    Permalink

    Felixita devo coniare altri aggettivi perchè sto diventando ripetitiva..va be che repetita iuvant ma quà annoiant…
    Dunque sei bravissima, ma mi fa davvero impressione il pensiero di quante ore hai dedicato a questi esperimenti (dovresti conservare pezzi vari di piadina e tramandarli ai tuoi figli come dote, avranno un valore un giorno su ebay), dovresti scrivere un secondo libro per rafforzare l'idea :-DD
    Bacioni

    Rispondi
  • 18 settembre 2010 at 18:28
    Permalink

    @Libera: ma che sorpresa! Grazie cara! 😀 Per quanto riguarda la farina, usarne una piuttosto che un'altra modifica il risultato finale, ma trattandosi di piadina e non di un pane lievitato, puoi usare la farina senza glutine che ti ritrovi in dispensa… presumo che si tratti della biaglut o del Mix it!… In ogni caso fammi sapere quale farina hai 😉

    @Sonia: e come sempre sei deliziosa con me! Seguirò i tuoi consigli: fossilizzerò dei pezzetti di piadina 😛 e vedrò se sarà possibile proseguire l'esperienza editoriale..
    Grazie ciccia, un bacione :-)

    Rispondi
  • 27 giugno 2012 at 16:28
    Permalink

    alla fine l'esperienza benissimo andò e tu vippe ora sei 😉 passavo per la piadina e rilessi i commenti :-))) :X

    Rispondi
    • 27 giugno 2012 at 16:38
      Permalink

      Eh sì Vippe!!! Cicciuzza bedda sicula che dici!!!! :X

      Rispondi
  • 9 novembre 2013 at 18:50
    Permalink

    ciao . mi kiamo Sara . e mi piacciono molto le tue ricette xk da due mesi a sta parte sono da mia zia k purtroppo è celiaca, ma volevo kiederti una cosa, dato k io sono in francia attualmente da questa mia zia e k per tanto non posso avere le marche di farine senza glutine k racomandi, volevo sapere se era indifferente la marca della farina e quindi posso usare qualunque farina senza glutine o ci voglio per forza le marche k hai detto per un motivo particolare.

    Rispondi
  • 21 dicembre 2013 at 17:16
    Permalink

    Ciao Sara, ogni farina ha la sua resa. Tu in Francia trovi la farina per pane e dolci della Valpiform che è ottima, mischiala al Mix B Schar che sicuramente lì trovi (è diffusa ovunque la Schar) e ti verranno buone :)

    Rispondi
  • 22 maggio 2014 at 13:32
    Permalink

    ciao sono una ragazza celiaca che adora cucinare e devo dire che siete sempre un faro nelle serate buie in cui non so cosa inventarmi …le piadine sono ottime!!!!!!!!! vi adoro mi avete fatto amare la cucina anche se senza glutine
    ..anche io ho un blog di cucina senza glutine ho fatto le tirelle, ottenute dalla modificazione di una ricetta offertami da una mia amica di modena, la sua versione era glutinosa che io ho ovviamente eliminato dalla mia versione :)
    http://blog.giallozafferano.it/lostudentemedio/ se vi interessano venite a visitarmi un bacio e grazie per ispirarmi sempre

    Rispondi
  • 10 giugno 2014 at 16:04
    Permalink

    Grazie a te Elisabetta! Adesso vengo a sbirciare il tuo blog :)

    Rispondi
  • 10 giugno 2016 at 18:11
    Permalink

    Si possono fare anche con le farine naturalmente sensa glutine? c’è un dosaggio in questo caso?

    Rispondi
  • 10 marzo 2017 at 22:39
    Permalink

    Ciao Olga, ho fatto stasera la piadina seguendo la prima delle ricette che proponi, sostituendo però la farina della Pandea con quella della Nutrifree e cuocendo le piadine su una normale padella antiaderente perchè non ho il testo. Il risulrato non proprio buono. Dipende forse dalla cottura? Grazie :smile:

    Rispondi
    • Felix
      15 marzo 2017 at 15:04
      Permalink

      Cara Alessandra :) forse le hai cotte troppo e poi diventano dure. La piadina va stesa sottile e va cotta meno di un minuto per lato

      Rispondi
  • 20 giugno 2017 at 10:55
    Permalink

    Ciao Olga,

    la farina agluten si puo’ sostituire con altro tipo?

    grazie

    ciao

    Laura

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>