Mi sono imbattuta in questo post dell’Araba Felice, è stato un colpo di fulmine, per questo pane, che appariva facile ed appetitoso… quindi è subito scattata la voglia di replicarlo senza glutine. 

per il ripieno:

  • patate lesse sbucciate e tagliate a fettine
  • zenzero fresco
  • cipollotto
  • prezzemolo
  • sale

Il procedimento seguito è identico a quello descritto dall’Araba felice: si lavora la farina con l’olio ed il sale, e poi si aggiunge l’acqua piano piano, così se ce ne volesse di meno rispetto a quella indicata in ricetta potete regolarvi tranquillamente.
Otterrete un panetto morbido, ma non appiccicoso che farete riposare per un’ora circa, a temperatura ambiente, avvolto nella pellicola.


Dopo il riposo, dividere il panetto in palline medio/piccole, che andranno lavorate a salsicciotto. Il salsicciotto va poi arrotolato su se stesso, intorno a due dita ed otterrete delle cosine che somigliano a delle chiocciole…


che occorre ricoprire con della pellicola e fatte riposare una mezz’ora. 
Tagliate queste chiocciole a metà e spianate ogni metà con il mattarello, su una metà mettere le patate lesse, condite con sale e pepe, lo zenzero grattugiato e il prezzemolo.
Coprire con la seconda meta’, e schiacciare bene con le mani
E poi passare sopra con il mattarello, fino ad avere una sfoglia sottile che racchiude il ripieno.
Cuocere la paratha sul testo che di solito usate per le piadine, ungendolo pochissimo. Appena messa sul fuoco, praticare dei piccoli taglietti sulla superficie ed ungere di olio con un pennello. 

Girare e cuocere anche dall’altro lato.


La paratha si può preparare anche senza ripieno: si divide la chiocciolina in due, e poi si stendono le due meta’ una sull’altra. Cuocetele come quelle ripiene… con l’unica differenza che appena sono cotte dovete stropicciarle con le mani… ed eccole stropicciate…


Il ripieno comunque può variare… alcuni suggerimenti li trovate sul blog dell’Araba Felice ed anche in giro per la rete… e grazie Stefania/Araba Felice per la ricetta e per la chiarissima e dettagliata spiegazione 😉
Pane Paratha Senza Glutine
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:             

10 Commenti in “Pane Paratha Senza Glutine

  • 28 settembre 2010 at 0:19
    Permalink

    anche la cucina etnica abbiamo!
    bellissimo questo pane, perfetto per una cena in piedi, da provare assolutamente!

    Rispondi
  • 28 settembre 2010 at 6:11
    Permalink

    Che roba! Questo proprio non lo conoscevo. Lo voglio provare!!!

    Rispondi
  • 28 settembre 2010 at 12:46
    Permalink

    Sono felicissima che sia riuscita a convertire questa ricetta, e' talmente buona!
    Grazie mille per averla provata :-)

    Rispondi
  • 28 settembre 2010 at 13:38
    Permalink

    Ma che bello questo pane che non conoscevo!! bravissima Felix, davanti a te ogni porta della panificazione gf si schiude come per incanto!!!!
    bacioni bacetti ;;)

    Rispondi
  • 28 settembre 2010 at 14:25
    Permalink

    Grazie ragazze :) Provatelo questo pane perché è buonissimo! E poi potete variare il ripieno secondo i vostri gusti, umore, clima, stagione, etc… anche se una base di verdura io non la farei mai mancare 😉

    @Araba Felice: Benvenuta! E grazie a te per le ricette che sono ottime! Abbiamo replicato anche i tuoi panini ai fiocchi di latte e quanto prima li pubblicheremo

    @Sonia: :))

    Rispondi
  • 28 settembre 2010 at 14:49
    Permalink

    Io non frequento molto l'araba :-(, però in questo caso una capatina la faccio, è così bello questo panozzo..bacio!

    Rispondi
  • 28 settembre 2010 at 18:37
    Permalink

    Wow, che meraviglia!
    Ho capito che devo assolutamente ricominciare a studiare per la panificazione.
    Appena passa lo stordimento di antibiotici e antinfiammatori, si parte!
    Non ho il testo per le piadine, dovrò trovare alternative…
    Grazie Felix!
    Buona serata
    Baci Baci

    Rispondi
  • 29 settembre 2010 at 8:05
    Permalink

    @Libera: un bacione a te! :)

    @Fabi: eh sì sì vedi di riprendere, sei brava! Facevi tantissime buone cosine con la farina Hammermule… ricordo io :)
    Se non hai il testo, usa una padella antiaderente, magari con il fondo spesso.

    Rispondi

Rispondi a La Gaia Celiaca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>