Questa è una preparazione tipica lombarda: chiamato così perché il riso, a cottura ultimata, sembra una larva di insetto, che in dialetto lombardo è detta cagnon. E’ una portata prevalentemente invernale, a base di riso lessato, burro, aglio, foglie di salvia e abbondante parmigiano.
Può essere gustata come primo, ma anche come accompagnamento di pollo arrosto o scaloppine con verdure.
Notizie dal mio Dizionario enciclopedico della Cucina Italiana
Nel caso della ricetta che segue, risente di un’aggiunta Piemontese (questo piatto lo si ritrova denominato allo stesso modo seppure variato negli ingredienti, in Lombardia, in Piemonte e in Liguria).
E’ tanto facile quanto gustosissima, se potete procuratevi proprio un bel pezzo di Toma (magari proveniente dalla Valsesia come la mia) e dell’ottimo riso Carnaroli biologico 😉
La ricetta la trovate anche Qui

Dsc02290

  • 250 g riso carnaroli
  • 250 g toma piemontese
  • 50 g burro
  • 3 cucchiai di grana Padano grattugiato
  • 2 o 3 foglie di salvia
  • sale e pepe

Far cuocere il riso in un litro di acqua bollente salata per circa 15 minuti.
Poco prima che sia cotto, far dorare il burro in padella insieme alla salvia.
Scolare il riso, aggiungere a questo la toma tagliata a pezzettini, la salvia dorata con il suo sughetto e mantecare bene con un cucchiaio di legno.
Incorporate il Grana ed un po’ di pepe macinato.
Servire caldissimo!

Riso in Cagnone
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                 

10 Commenti in “Riso in Cagnone

  • 31 gennaio 2011 at 7:57
    Permalink

    Buongiorno!

    Leggendo questa ricettina ti viene proprio da leccarti i baffi!

    Complimenti!

    Ciao bella!

    Rispondi
  • 31 gennaio 2011 at 11:17
    Permalink

    Cucino il riso sempre con dei fondi di cottura, a base di verdure, con la cipolla o lo scalogno. Proverò questa ricettina che mi sembra una buona variante del mio solito riso.
    Grazie dei consigli……

    Rispondi
  • 31 gennaio 2011 at 12:37
    Permalink

    io adoro il riso! dev'essere squisito certe volte lo faccio simile purtroppo senza toma piemontese :(

    Rispondi
  • 31 gennaio 2011 at 14:15
    Permalink

    Anch'io adoro tantissimo il riso…. questa ricetta non l'avevo mai sentita….E dev'essere ottimo :)
    Sono contenta che il premio ti abbia fatto piacere :) A presto :)

    Rispondi
  • 31 gennaio 2011 at 15:22
    Permalink

    avevo sentito di nome questa ricetta ma non avevo idea di come si preparasse :-) bellissima e saporita. Brava ciccina…come stai?
    bacioni :X

    Rispondi
  • 31 gennaio 2011 at 17:55
    Permalink

    Anche io di risotto oggi… che meraviglia e gusto questo… lo segno di sicuro!:)

    Rispondi
  • 31 gennaio 2011 at 20:44
    Permalink

    Davvero una bella ricetta…..e, dire che non la conoscevamo! Grazie per avercela proposta!
    Un abbraccio da Alda e Mariella

    Rispondi
  • 31 gennaio 2011 at 21:11
    Permalink

    Grazie ragazze! Un abbraccio a Voi tutte :)

    Sto benino Soniuccia… mi sento solo pochino stanca… grazie ciccia :X

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>