Siamo un po’ in anticipo?… Io dico di no… meglio pensarci in tempo per procurarsi gli stampi e quanto altro 😉
Questa colomba la preparai il 20 marzo del 2008 e dopo averne provate un po’ fu quella che mi piacque di più.
Ma io le prove ve le metto tutte quante… così potete scegliere: Vi ricordo però che la migliore è questa ultima realizzata con farine naturali senza glutine più un pochino di xantano… io oramai la faccio sempre così… anche se mi sa che quest’anno provo con il mix per brioche… per vedere che esce fuori…

Colomba pasquale senza glutine
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 20 marzo 2008

Ho seguito questa ricetta Panettone Senza Glutine in tutto e per tutto con la differenza che al secondo impasto non ho aggiunto l’uvetta, quanto invece la scorza di 1 arancia e quella di un limone (altrimenti aggiungere i canditi), ed una fialetta di aroma vaniglia. Potete anche aggiungere le gocce di cioccolato
La seconda lievitazione va effettuata nello stampo per colomba e quando l’impasto è arrivato a circa 1 cm sotto il bordo dello stampo (prendetene uno capiente da circa 750 g – 1 Kg.
Misure stampi per apertura alare:

32×22 1 kg

28,5×20 750 g

26×18 500 g)

spennellate la glassa fatta così:

  • 1 albume
  • 50 g di mandorle
  • 50 g di zucchero a velo vanigliato (come da prontuario)
  • 50 g di zucchero semolato
  • 5 o 10 g di acqua a seconda della grandezza dell’albume

La glassa deve essere densa e non colare. Aggiungete sopra le mandorle intere o a lamelle e fate cuocere in forno a 170° per circa un’ora.
Se vedete che sopra la glassa tende a bruciare coprite la colomba con un foglio di alluminio.

Quando la sfornate infilzatela con degli stecchi di legno, capovolgetela e fatela raffreddare appesa.
L’ho assaggiata è buonissima con questo impasto rimane poco più umida e morbida della colomba classica, infatti ho visto che c’è dello zucchero e del burro in più rispetto alla ricetta tradizionale.
Se volete: prendendo come base il mix di farine per impasti lievitati, il latte in polvere e lo xantano, potete adattare anche la vostra ricetta di colomba.
Ma il mix lo consiglio vivamente, è la colomba senza glutine più morbida e soffice che ho assaggiato

E ora a seguire tutte le altre… in ordine di tempo… se volete provare la ricetta che segue ricordatevi però di usare la glassa che ho segnato su: è la migliore ed è quella vera 😉

Ricetta del 19 marzo 2007: la mia primissima senza glutine
  • 200 g di farina Mix B
  • 25 g di lievito di birra
  • 150 ml di latte
  • 50 ml di acqua

Amalgamare insieme gli ingredienti (io ho fatto con la macchina del pane) e metterlo a lievitare per circa un’ora finchè l’impasto non raddoppia di volume.

2° impasto

  • 300 g di farina agluten
  • 100 g. di burro
  • 100 g. di zucchero
  • 3 tuorli d’uovo
  • 250 ml di latte
  • aroma vaniglia

Impastare insieme questi ingredienti, aggiungere il 1° impasto e metterlo a lievitare un’ora finchè non raddoppia il volume
Al termine della lievitazione disporre l’impasto nello stampo apposito
e fare lievitare finchè non raggiunge le pareti dello stampo

spennellate la glassa ricoprite con le scaglie di mandorle e infornare a 170° per 1 ora circa

Qualche giorno più tardi riprovai, la ricetta è la stessa di quella su… avevo solo cambiato di pochissimo qualcosina per renderla poco più asciutta, anche la glassa è diversa: ci sono le nocciole
Ricetta del 6 aprile 2007
1° Impasto
  • 200 g di farina mix B 
  • 25 g di lievito fresco 
  • 110 ml di latte
    Impastare tutto (io ho fatto con la macchina del pane) e lasciare lievitare per 1 ora in luogo tiepido

2° Impasto

  • 300 g di agluten per pane
  • 100 g di burro 
  • 100 g di zucchero 
  • 3 tuorli 
  • 200 ml di latte (anche qui ho diminuito rispetto alla prima versione) 
  • aroma mandorla 
  • scorza di limone grattugiata 
  • uvette ammollate nel rum (io ne ho messe circa 50-60 g.)

Impastare tutti gli ingredienti (quando aggiungete l’uvetta infarinatela leggermente con la farina di riso) aggiungete al primo impasto ed impastate il tutto e fate lievitare ancora 1 ora in luogo tiepido.
A questo punto trasferite l’impasto nello stampo e fate lievitare fino a quando raggiunge le pareti dello stampo. Trascorso questo tempo mettete a cuocere la colomba così: per 10 – 15 m a 200° poi abbassate la temperatura a 180° e continuate la cottura per altri 20 m.

Nel frattempo preparate la glassa

Glassa 

  • 50 g di nocciole 
  • 25 g di mandorle 
  • 10 g di farina di riso 
  • 75 g di zucchero 
  • albumi quanto basta per ottenere una glassa che abbia la stessa consistenza dello yogurt

Sfornate la colomba quando saranno trascorsi in tutto 30 – 35 m. e spalmate sopra la glassa, infornate nuovamente fino a quando la glassa si sarà scurita… ed è pronta
Ed ecco l’interno… ricordo che questa viaggiò fino giù in Sicilia… per avere anche io la mia colomba alla tavola di Pasqua

 

Colomba Pasquale Senza Glutine
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                         

57 Commenti in “Colomba Pasquale Senza Glutine

  • 26 marzo 2011 at 6:53
    Permalink

    Che meraviglia la colomba, dovrei provarci anch'io, ormai Pasqua è vicina!!!! Un abbraccio e buon fine settimana

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 7:35
    Permalink

    mamma mia che emozione… a rivedere e ricordare tutte le prove… e poi quando postasti una colomba perfetta!! 0_O che gioia!

    a me una volta uscì l'impasto tutto fuori dagli stampi mentre era ancora a lievitare nel forno… ancora lo sto pulendo ;););)

    vola colomba gf, vola!!

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 7:49
    Permalink

    Grazie Mari! :)

    Ti ricordi Vale? Quanti ma quanti pasticci abbiamo intrugliato… bello però, alla fine è anche così che nascono le amicizie :-*

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 9:54
    Permalink

    meravigliosa questa colomba senza glutine!
    mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori così rimaniamo in contatto..fai un saltino da me quando vuoi!
    ciao buona giornata,Patrizia

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 10:53
    Permalink

    hai fatto bene a metterla adesso…così abbiamo tutto il tempo per scegliere quale ricetta provare!!comunque complimenti perchè questa è una di quelle preparazioni che richiedono mooolta pazienza!

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 12:59
    Permalink

    Ogni anno mia mamma si picchia con la colomba perchè vorrebbe riuscire a farla…ed ogni anno non è mai un granchè (tanto lei qui non legge!). Quest'anno con questa meraviglia forse ce la facciamo! Grassie!

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 14:47
    Permalink

    Anch'io l'anno scorso ho fatto la colomba con la prima ricetta ed era venuta una meraviglia. Quest'anno vorrei fare tante "colombine" da regalare ma non so se esistono gli stampi…li sto cercando ma ancora niente!!!

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 15:18
    Permalink

    Mamma mia, è più perfetta di quelle che compri, è meravigliosa!! Bravissima tesoro, quella fetta bella soffice mi ispira proprio!!!
    Un bacione carissima!! Buona domenica!!!

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 16:29
    Permalink

    gioia mia come fai le cronogastrostorie tu non le fa nessuno! questa colomba è la fine del mondo, ma l'hanno assaggiata anche i glutinati? e che giudizio hanno espresso? sono troppo curiosa….quest'anno complice le nuove amicizie mi sa che proverò…sei bravissima, fanne una ventine, le vendi al negozio senza glutine e ti fai la 14esima!! bacioni e buon we :X:X

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 19:10
    Permalink

    Benvenuta Patrizia :)

    Grazie ragazze :)

    Giò i mini stampini li ho visti oggi pomeriggio cerca quelli della DECORA

    Soniuccia se la mangiarono SOLO i miei glutinati… hanno lasciato l'altra e mangiato la mia perché era buona e leggera, così dissero. Ci facevano colazione la mattina.
    Se mi mettessi a venderle son sicura verrebbero una schifezza :)

    Un bacione a tutte!

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 19:34
    Permalink

    Meravigliosa, quest'anno vorrei provare a fare proprio la tua ricetta(senza glutine), ma non sono brava come te, speriamo bene!
    Un abbraccio!

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 19:55
    Permalink

    Mamma mia come vorrei provarla… ma come per tutti gli impasti, sono assolutamente terrorizzata!

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 20:22
    Permalink

    E' praticamente perfetta!!!!!!!Ma tu sei la MAGA del gf…..

    Rispondi
  • 26 marzo 2011 at 21:33
    Permalink

    bellissime Olga!!! anche io vorrei cimentarmi a farle sg!!!! baci

    Rispondi
  • 28 marzo 2011 at 16:18
    Permalink

    Olga!!!! Ma non ti volevo tradire!!! Semplicemente non pensavo ci fosse anche la ricetta della colomba nel blog….ma ora che me l' hai pubblicata, la farò sicuramente!!!!! anzi, che ne dici se facessi delle colombine? questo impasto si riesce a lavorarlo a mano?
    Un bacio, e….sei sempre la migliore!!!! :-/

    Rispondi
  • 28 marzo 2011 at 16:26
    Permalink

    Ciao Manu! E quale tradimento? Lo sai bene come la penso: è giusto che proviate tutte le ricette che trovate e vi piacciono e quando è il caso vi aiuto ad adattarle e simili… 😉
    Questo è un impasto morbido e appiccicoso (quello della prima ricetta in alto, la seconda si maneggia meglio)… potresti anche fargli fare una calata in un pizzico di farina (per renderlo più maneggevole), ma per esperienza personale ti dico che avrà un pochino di difficoltà in più nella seconda lievitazione.

    Rispondi
  • 1 aprile 2011 at 13:29
    Permalink

    Trovato stampini della Decora,non ci speravo,qui da me non si trova mai niente e invece….e adesso colombine!!!!!!!
    Grazie Felix

    Rispondi
  • 11 aprile 2011 at 15:31
    Permalink

    Sono diventata matta a cercare lo sciroppo di glucosio, ed ora che l'ho trovato mi accorgo che nella ricetta della colomba non c'è!!!!
    ARGH!!!!!
    E se ce lo mettessi lo stesso? Ora che ce l' ho, lo ficco dappertutto!!!! Tu che ne dici?
    Al più presto provo…ma ho una fifa di dover buttare via tutto!

    Rispondi
  • 11 aprile 2011 at 15:48
    Permalink

    ahahahahah! Se fai la prima ricetta con le farine naturali non ce lo mettere lo sciroppo di glucosio, non serve… perché la colomba rimane bella morbida di suo…
    Se provi con le farine dietoterapeutiche allora sì…
    Prova che non butterai via nulla… ormai sei abbastanza esperta 😉

    Un bacione!

    Rispondi
  • 11 aprile 2011 at 17:28
    Permalink

    Scusa cara….solo ora mi viene in mente una seconda domanda da fare…..tu dici che con la prima ricetta la colomba viene un po' umida….visto che a me (e credo anche al mio bimbo) gli impasti umidi non piacciono….che faccio?: diminuisco i liquidi o allungo i tempi di cottura?
    Grazie mille!!!! Un bacio

    Rispondi
  • 11 aprile 2011 at 17:31
    Permalink

    Meglio allungare i tempi di cottura… oppure prova la versione con le dietoterapeutiche che di certo rimane più asciutta.
    Comunque quella non è una umidità bagnata: tanto più che va consumata il giorno dopo averla fatta e quindi ha ancora tempo di perdere ulteriore umidità…

    Rispondi
  • 17 aprile 2011 at 21:16
    Permalink

    Per la cronaca: colombine finite!!!! Piaciute a tutti e adesso colombe maxi…..quelle erano solo un assaggio……
    Bacio

    Rispondi
  • 22 aprile 2011 at 9:28
    Permalink

    ciao care Olga e Manu,
    fatta la mia prima colomba, ho avuto un po' di problemi perchè in cottura mi è fuoriuscita dallo stampo ma è venuta abbastanza bene ma soprattutto è buona (quasi come quella glutinosa).
    Grazie per la ricetta. Tanti cari auguri a voi e alle vostre famiglie. Un abbraccio Lidia

    Rispondi
  • 22 aprile 2011 at 9:31
    Permalink

    Ciao Lidia… alla prossima stampo da 1kg e non dovresti aver problemi 😉

    Un abbraccio e una Buona Pasqua anche a te e ai tuoi cari :)

    Rispondi
  • 26 marzo 2012 at 13:51
    Permalink

    Fatto colomba con grande anticipo……causa indisponibilità di una mano per le prossime settimane. É venuta una favola!!! La glassa, che l'anno scorso avevo omesso per….paura di sgonfiaggio, è fantastica. Sacrificato coda per assaggio e poi nel freezer . Buonissima!!!! Grazie Olga

    Rispondi
  • 27 marzo 2012 at 9:16
    Permalink

    Ne son proprio contenta! Grazie a te Gio e riguardati :)

    Rispondi
  • 29 marzo 2012 at 0:35
    Permalink

    Voglio provare a farla!!
    Posso usare la gomma di guar al posto dello xantano? :)

    Rispondi
  • 29 marzo 2012 at 0:41
    Permalink

    E per il latte in polvere?? Non è a rischio? Tu quale usi? :) Immagino che usare quello fresco modifichi il risultato finale…

    Rispondi
  • 29 marzo 2012 at 8:00
    Permalink

    Sì va bene anche il guar. Se usi il latte in polvere per la prima infanzia da 0 a 6 mesi, vai tranquilla perché per legge deve essere senza glutine 😉

    Rispondi
  • 29 marzo 2012 at 9:55
    Permalink

    Bravissime davvero! una domanda: il latte in polvere ha scadenza breve-una volta aperto andrebbe consumato entro 15 gg..- ma siccome (almeno quello che ho preso io ) è un enorme barattolone e alla fine se ne usa poco..non è che si puo' usare anche dopo o non mantiene le caratteristiche?

    Rispondi
  • 29 marzo 2012 at 10:36
    Permalink

    Puoi conservarlo tranquillamente in freezer, tanto non gela e si mantiene sempre in polvere 😉

    Grazie :)

    Rispondi
  • 29 marzo 2012 at 11:16
    Permalink

    siete avanti anni luce!!:) grazie mille

    Rispondi
  • 31 marzo 2012 at 19:36
    Permalink

    Ok, latte comprato!!
    …Ma, la quantità di gomma di guar è la stessa dello xantano? :O

    Rispondi
  • 1 aprile 2012 at 17:57
    Permalink

    Colomba fatta!!
    Il sapore è buonissimo!! Sei grande!!! Mi sono quasi emozionata a mangiarla!!!

    Giusto la glassa mi è venuta un pò liquida e, pur aggiungendo altro zucchero a velo non ho risolto molto :(

    E poi…una curiosità…ma come fai ad appendere la colomba a testa in giù?? Perchè le ho provate tutte eheh!

    Rispondi
  • 2 aprile 2012 at 18:27
    Permalink

    L'importante è che fosse buona, poi la glassa si aggiusta la prossima volta, appena si prende confidenza con queste preparazioni 😉

    Per appenderla servono degli stecchi molto lunghi, tipo ferri da maglia, infilzando lo stampo poco più su della base. Poi si capovolge e si lascia in sospensione: c'è chi la sospende tra due pile di libri, chi tra due cassetti della cucina aperti, chi come me su un ciotolone enorme…

    Rispondi
  • 7 aprile 2012 at 18:25
    Permalink

    Perchè a me rimane molto molto bagnata? Dove sbaglio? E poi è anche pesante, ho provato ad infilzarla con dei grossi spiedini ma si rompeva a rovesciarla e on più si staccava tutta la glassatura. Mi sembra che il burro sia un po' troppo e le impedisca di lievitare bene, chiedo scusa, forse è la mia impressione, o forse dovrei riprovare. Qualcuno ha consigli? Grazie mille e Buonissima Pasqua!

    Rispondi
  • 17 aprile 2014 at 10:21
    Permalink

    Domani voglio replicare ho comprato lo stampo da 750gr è troppo piccolo??? Dimimuisco di qualche grammo il lievito????

    Rispondi
  • 8 febbraio 2016 at 20:21
    Permalink

    Olga continui ad incantarmi con le tue ricette ma purtroppo, in questo periodo, il tempo è tiranno; ecco perchè vorrei prendermi in anticipo per la colomba. nella ricetta usi il mix di farine per lievitati, pensi possa riuscire con la farina per lievitati del molino dallagiovanna come per il panettone? nel caso usando le stesse dosi degli altri ingredienti?
    Olga grazie

    Rispondi
    • Felix
      9 febbraio 2016 at 13:07
      Permalink

      Sì sì Romi, realizza pure la colomba con dalla giovanna, usando le dosi che do per il panettone con dallagiovanna.
      Cambia un po’ gli aromi aumentando il sentore di arancia e limone :)

      Rispondi
        • 16 marzo 2016 at 13:49
          Permalink

          Ciao,
          scusatemi, sono nuova e anche io vorrei provare a fare la colomba con la farina Molino Dalla Giovanna.
          Non mi è chiaro se devo seguire la ricetta della colomba e semplicemente sostituire la mix B e la Agluten con la farina Dalla Giovanna o se devo seguire la ricetta del panettone e fare quell’impasto.
          Grazie mille!

          Rispondi
          • Felix
            20 marzo 2016 at 13:53
            Permalink

            Ciao Maria Regina benvenuta :) devi fare quella del panettone con Molino Dalla Giovanna

  • 4 marzo 2016 at 15:37
    Permalink

    Innanzi tutto un grazie di cuore per tutte le ricette, siete davvero uniche!
    Una domanda: per cuocere va infornata a forno caldo o partendo da
    forno freddo?
    Perchè nel panettone c’è scritto a forno freddo!
    Grazie, un abbraccio dalla svizzera!
    Nadia

    Rispondi
    • Felix
      5 marzo 2016 at 9:32
      Permalink

      Ciao Nadia :)
      Sempre da forno freddo

      Rispondi
  • 14 marzo 2016 at 15:16
    Permalink

    Ciao Olga! eccomi ancora qua, a chiederti un consiglio o un parere sempre sulla colomba. L’ho fatta, in versione con farine naturali e con le DallaGiovanna, e poi ti ho pure tradito (agliagliai!!!!) adattando un’altra ricetta, ma sempre con le tue come riferimento, i tuoi insegnamenti innanzitutto. Questo perché se il sapore mi è sempre venuto veramente ottimo, non altrettanto devo dire per la forma… cioè, lievitano sempre bene e seguono alla perfezione tutti i passaggi, ma nel forno, non appena le inizio a cuocere (sia da freddo che da caldo, ho provato entrambi i modi) all’inizio si gonfiano e poi, dopo una decina di minuti,il centro inizia a crollare. Non raggiunge i bassi fondi, per carità, ma l’effetto finale è di un leggero avvallamento centrale che non deve esserci. Va bene piatta, ma affossata no! Sono giunta alla conclusione che il mio forno, essendo grandissimo (da 90 cm come il piano cottura) forse non riscalda bene al centro e questo formato di stampo rimane freddo… ma che ne so!!! dimmi tu cosa ne pensi, sono molto triste!!! per provare in un altro forno devo vivere per due giorni in un’altra casa, ed è un po’ dura!!! che ne pensi, o forse sbaglio qualcos’altro? Ma il panettone tuo con la Dallagiovanna mi viene benissimo, non tanto cupoloso ma nemmeno piatto, con una leggera convessità niente male… e l’impasto è identico alla Colomba… Spero che leggerai questo romanzo, se si, ritieniti abbracciata comunque e con immenso affetto e gratitudine per tutto quello che fai!!! baciiiii

    Rispondi
    • Felix
      20 marzo 2016 at 13:58
      Permalink

      Ciao Rosa Maria bella :) Sicuramente è un problema di cottura, molto probabilmente è come dici tu, la temperatura al cuore non arriva al punto giusto di cottura che sarebbe di circa 94° (da misurare con un termometro a sonda). Prova ad aumentare la temperatura del forno e parti da forno caldo.
      Un bacio :)

      Rispondi
      • 22 marzo 2016 at 21:36
        Permalink

        Ciao Olga! grazie per la risposta! La prova del forno già caldo l’ho fatta due volte quest’anno (uffa) ed ho pure provato in modalità ventilata la seconda volta (sono andata a guardare nelle istruzioni del forno, pensando chissà, che fosse differente, viste le dimensioni) a 175° come dice il libretto del forno, ma non è cambiato nulla, anzi, in ventilato si è spatasciata di più (sapore buonissimo mannaggia)… e però secondo me come dici tu devo provare ad alzare la temperatura, perché ho sempre avuto la sensazione che questo forno non scaldi bene. Solo quando faccio il pane e, come suggerisci sempre, lo accendo ben 45 minuti prima, allora si scalda molto… mi sa che devo fare la stessa cosa con la colomba… che può succedere? un altro volo di formica!!! grazie ancora, ti abbraccio e ti auguro una felice Pasqua …. :)

        Rispondi
        • Felix
          22 marzo 2016 at 22:45
          Permalink

          In modalità ventilata e’ peggio: resta più umida dentro e si asciuga subito fuori.
          Una buona Pasqua a te :)

          Rispondi
  • Pingback: Colomba Pasquale gluten free | Dolce & Salato Senza Glutine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>