Gli ingredienti che vi servono: la quinoa rossa è una mia licenza, la ricetta è data per la quinoa bianca che si trova normalmente e facilmente in commercio.
Ve la riporto così come l’ho realizzata io 😉

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© Crema di Zucca e Quinoa Rossa ©

  • 100 g di quinoa 
  • 2 spicchi di aglio
  • 500 g di zucca a cui togliere la scorza
  • 1 bella cipolla (meglio se rossa)
  • due bei ciuffi di basilico fresco
  • 1 dado vegetale (consultate il prontuario AIC)
  • 1,5 litri di acqua (o ancora meglio di brodo vegetale fatto in casa ed eliminate il dado)
  • 1 noce di burro (circa 10 – 15 g)
  • timo secco

Anzitutto lavate molto bene la quinoa, lasciatela ammollo 15 minuti almeno, in modo che perda la saponina che la rende amara.
Pelate e schiacciate gli spicchi di aglio, affettate la cipolla. Fate rosolare molto dolcemente entrambi nel burro. Quando si presentano un pochino appassiti unite la zucca sbucciata a pezzi, il basilico, la quinoa, il timo, il dado e l’acqua (o il brodo vegetale).
Incoperchiate e dalla presa del bollore calcolate circa 30 minuti di cottura, quando la zucca si disfa al tocco è pronta. Frullate tutto con il minipimer ad immersione (salate e pepate se volete, ma io non l’ho fatto) e servite! Per un tocco in più anche decorativo unite due cucchiai di panna fresca, ma io non ce l’avevo e quindi niente tocco 😛

A mio giudizio (e del marito) è squisita! E la quinoa rossa molto più buona di quella bianca…
Qualche altra notizia sulla quinoa la trovate QUI

Crema di Zucca e Quinoa Rossa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                     

10 Commenti in “Crema di Zucca e Quinoa Rossa

  • 24 ottobre 2011 at 7:11
    Permalink

    Lo sforzo del mese di novembre è imparare ad utilizzare e mangiare la quinoa, ormai ho deciso. Quanto a Roma, capitolo infinito: è una città rovinata, ormai rovinata :(

    Rispondi
  • 24 ottobre 2011 at 13:25
    Permalink

    Grazie! Avevo proprio in mente di utilizzare quel sacchettino di quinoa che giace da ormai troppo tempo nella mia dispensa, ma non avendola mai provata esitavo… Grazie anche per la segnalazione del corso a Milano: mi sono iscritta subito!!! Laura

    Rispondi
  • 24 ottobre 2011 at 22:02
    Permalink

    Vedo con piacere che ti sei messa "in moto" e direi divinamente. Le foto ti son venute molto belle e mertio è anceh l'ambiente in cui sono state scattate 😉

    PS: chissà quante altre cose avrai tirato fuori durante il trasloco…

    bacioni da me

    Rispondi
  • 24 ottobre 2011 at 22:50
    Permalink

    bellissima ricetta!! io vado matta per la quinoa, sono d'accordo con Claudia le foto è molto bella!!!
    baci da me 😉

    Rispondi
  • 26 ottobre 2011 at 7:52
    Permalink

    e DOVE LA TROVI LA QUINOA ROSSA??? Io non l'ho mai vista… ne sai sempre una più del diavolo!
    P.s. Vogliamo parlare del sindaco di Palermo? Magari fosse solo un fantasma, lui è che ha dilapidato tutto!

    Rispondi
  • 9 dicembre 2014 at 18:20
    Permalink

    Non ho capito se la quinoa, dopo essere stata in ammollo deve essere scolata. Io credo di sì, certo che così piccola è un macello farlo…!

    Rispondi
  • 9 dicembre 2014 at 18:45
    Permalink

    Sì va scolata, con un colino a maglie fitte diventa semplicissimo :) I grani che davvero danno noia sono quelli dell'amaranto, microscopici

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>