Diamo a questo gelato il suo vero colore, cioè quasi bianco… al che uno si chiede che cosa ci facciano mangiare in quello in vendita nelle gelaterie.

Io credo di saperlo, ma preferisco sorvolare, tanto non cambia nulla, l’alternativa è farselo a casa.
La ricetta l’ho presa QUI.
Lo faccio ogni anno d’estate e sempre mi dimentico di fotografarlo, quest’oggi l’ho “fermato” :)
Prima di cominciare:
  • la mia gelatiera è di quelle autorefrigeranti
  • con queste dosi riempite una vaschetta di gelato da 500 g
  • se avete timore di usare i tuorli crudi, mettete la mescola sul fuoco (direi di non fargli oltrepassare i 100°. Già a 80° le presenze sgradite dovrebbero sloggiare) SENZA aggiungere i pistacchi. I quali andranno aggiunti quando il composto è freddo e pronto per essere versato nella gelatiera.
©Gelato Al Pistacchio©
ho usato ingredienti freschissimi e biologici
  • 300 ml latte intero fresco
  • 150 g zucchero
  • 125 ml panna fresca (quella da montare)
  • 50 g pistacchi di bronte sgusciati non salati
  • 2 tuorli
  • 1 pizzico di sale (ha il suo perché)
  • io ho aggiunto 3 g di neutro per gelati Lippolis, che serve ad evitare la formazione di cristalli di ghiaccio e l’indurimento tipo pietra una volta riposto in frigorifero. In alternativa usate:  la farina di semi di carrube (che sia idonea al consumo per un celiaco); oppure una puntina di xantano non più di 1 g; o ancora 1 cucchiaio di amido di mais anche questo idoneo alla dieta senza glutine. Se non usate nulla: o lo mangiate subito oppure lo mantecate di nuovo nella gelatiera prima di consumarlo.
Procedimento:
Tritate i pistacchi molto finemente insieme a 50 g di zucchero (presi dal totale).
Sbattete i tuorli con lo zucchero rimasto (100 g) fino a che non li vedete montati e schiumosi.
Sempre mescolando cominciate ad unire la panna (che non va montata), i pistacchi, il neutro oppure l’alternativa che avete scelto, tutto il latte, il pizzico di sale e mescolate bene.
Versate nella gelatiera e fate lavorare la Vostra macchina.
Se decidete di mettere il composto sul fuoco sia i pistacchi che il neutro vanno aggiunti quando il composto si è raffreddato bene prima di essere versato nella gelatiera.
E’ ottimo! :)
L’altro che ho preparato lo pubblico in questi giorni.
Un abbraccio e buon week end!
Gelato Al Pistacchio
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:     

3 Commenti in “Gelato Al Pistacchio

  • 21 giugno 2013 at 23:38
    Permalink

    Sai che in effetti non ci ho mai dato tanta importanza al fatto del colore?!? Ora mi sento una stupida, e dire che è il mio gusto preferito! L'ho sempre pensato della menta, che dovrebbe essere bianca, invece anche questa è un verde strano…
    Non sapevo nemmeno del neutro, Felix mi stai aprendo un mondo!!!
    Per il compleanno (l'anno scorso) m'hanno regalato una gelatiera, ma mica è "fica" come la tua;il cestello va refrigerato non so quante ore prima…fffffffffff!!!! ..però il tuo gelato natural pistacchio m'ispira trooppo!!!! Diavolessa di una gelataia! 😉

    Rispondi
  • 23 giugno 2013 at 20:03
    Permalink

    hai proprio ragione sul colore, quei verdi che si vedono in giro sono così poco credibili…
    quindi i pistacchi li triti tu. io non avevo mai provato a fare il gelato con la frutta secca perché pensavo ci volesse la pasta di pistacchi-nocciole-etc…
    e invece no.
    ora ci provo con le nocciole, il mio gelato preferito!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>