Anche se è quasi un mese che non mi affaccio con un post, il periodo è quello degli esperimenti in cucina :)
Per adesso mi è presa a fare lievitare il pane solo con il Kefir, cioè senza aggiungere lievito di birra né lievito madre.

Cos’è il Kefir?
E’ un latte fermentato piuttosto denso, dal gusto dolce e leggermente acidulo: esso si ottiene dall’unione del latte con i c.d. “grani di Kefir”.
Grani di Kefir da me ribattezzati “cosini” che si presentano come se fossero fiocchi di latte e sono più grandi dei fermenti con cui si fa lo yogurt.
Il latte che ne risulta è ricchissimo di fermenti lattici, di saccaromiceti e pare che sia “delattosato” per circa il 30%.

Trovate i grani di Kefir nei negozi bio, ma a me li ha regalati la mia cara amica Rosalba di Torino e non so di preciso quanti anni abbiano, so solo che sono una bomba: un potere lievitante che mi ha entusiasmato.

(Sbirciate anche questi due link:
Il Kefir e le sue origini
Il Mondo del Kefir (qui trovate tutte le informazioni su come produrlo in casa e conservarlo. Si può anche congelare se si vuole interrompere la produzione per un periodo)

Dopo averlo provato con il poolish (poi vi metterò anche quegli esperimenti) ho deciso di usarlo per l’impasto del No Knead Bread e per le farine sono tornata al mio caro, vecchio, amato mix per pane, la cui resa, duttilità e facilità di utilizzo rimangono a mio giudizio ineguagliate e ve lo dico dopo che non lo usavo più da circa un anno, per provare le novità uscite nel frattempo sul mercato.

Questo il risultato.

Fonte della ricetta senza glutine e dell’adattamento al Kefir: io, me medesima Felix :)

©No Knead Bread di solo Kefir©

  • 430 g di Mix per pane di Felix (cliccate e vi si apre il post con il mix: io ho usato quello con Nutrifree, Glutafin, Farmo)
  • 300 g di Kefir di latte (autoprodotto. Quello già pronto in vendita potrebbe non avere la stessa forza lievitante. Se comunque decidete per quello già pronto leggete la risposta di AIC per una scelta sicura: Forum AIC)
  • 120 g di acqua
  • 8 g di sale

Il procedimento è tutto spiegato a questo link, cliccate QUI, l’unica differenza è che non si aggiunge lievito, per cui lieviterà per effetto dei 300 g di Kefir di latte e inoltre il giorno dopo, quando lo farete lievitare, invece di 2 ore aspettate 3 ore.

Vi faccio vedere l’interno (dietro c’è la bottiglietta dove di solito faccio maturare il Kefir):

Il pane ha la crosta croccante, è morbidissimo, leggero e con il sapore vagamente dolce del kefir e non è assolutamente acido.

Un abbraccio!

Olga

p.s. leggo in giro: pane in pentola con metodo di…. o con metodo da… etc… l’unico vero inventore e creatore del metodo del pane in pentola è Jim Lahey, americano, stop 😉

No Knead Bread di solo Kefir :)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                 

16 Commenti in “No Knead Bread di solo Kefir :)

  • 13 ottobre 2014 at 15:36
    Permalink

    carissima Olga,sono felicissima del risultato che hai ottenuto con i "cosini" ,stasera stessa farò il tuo pane ,sono certa che tantissime persone ti chiederanno i "cosini" ,mi raccomando ,diffondili il più possibile ,un grande abbraccio …grazie amica mia …grazie di esistere <3

    Rispondi
  • 14 ottobre 2014 at 12:14
    Permalink

    Straorindaria meravigliosa lievitazione! Tu lo sai che ogni volta, fai venire voglia anche a me di provare, vero? Solo che non sono sicura di aver voglia di mettermi a giocare col kefir… tanti anni fa (ma veramente tanti, ero giovin fanciulla, andavo a scuola e vivevo coi miei) feci l'esperienza dello yogurt fatto in casa con le bestioline (che noi chiamavamo fermenti o enzimi, forse non erano la stessa cosa, ma somigliavano molto) che si moltiplicavano a ogni produzione, per cui alla fine si cercava sempre qualcuno a cui regalarne una parte. Poi, sia io che mia zia ci siamo stufate, e alle bestioline abbiamo fatto fare una brutta fine :-(
    Ora sono combattuta, ma mi sento pendere proprio di una 'nticchia più verso il "no"… boh! ninzò, mò ci penso 😉
    Intanto brava a te, che hai sfornato un altro capolavoro, e brava anche per la puntualizzazione sulla paternità del no-knead bread 😉

    Rispondi
  • 17 ottobre 2014 at 10:12
    Permalink

    Ancora non ho trovato i grani,ma per vado a comprare il kefir per provare a fare questa meraviglia!!!
    Complimenti come sempre straordinaria ricetta, besitos :*

    Rispondi
  • 17 ottobre 2014 at 15:28
    Permalink

    Ciao carissima Olga,
    ho comperato il kefir in bustine da 5 gr al Naturasì, sulla confezione dice di inserirlo in 1 litro di latte e farlo fermentare 24 ore a temperatura ambiente, dopo di che lo posso usare nelle dosi da te indicato, giusto? per cui niente biga o poolish?
    ti ringrazio, sono ansiosissima di provarlo

    Rispondi
  • 17 ottobre 2014 at 15:30
    Permalink

    Sì Giovanna, niente biga o poolish per questa ricetta. Io però aspetterei a far crescere ancora per bene i grani di kefir, cioè di fare un altro giro di latte prima di essere sicura di utilizzarlo, visto che è nuovo nuovo. Considera che un buon Kefir fermentato si presenta con delle bollicine in superficie con un aspetto quasi "frizzantino".

    Rispondi
  • 22 ottobre 2014 at 17:08
    Permalink

    Kefir fatto 😃

    Quindi, se ho capito bene, per far lievitare l'impasto possiamo usare sia il latte fermentato che il siero che si ottiene quando facciamo il formaggio?

    Rispondi
  • 23 novembre 2014 at 15:15
    Permalink

    non capisco se sia stato postato o no il mio msg… vabbè lo riscrivo… al limite sarà doppio… Ciao Olga! volendo fare il pane degli irriducibili… come faccio sempre io con 2 gr di LDB… ma usando il kefir… quanto ne devo mettere x una buona lievitazione??? (so che hai provato ma non lo trovo….) <3

    Rispondi
  • 18 settembre 2017 at 10:04
    Permalink

    Ciao Olga! È da un po’ che mi sorge un dubbio atroce…. nel mix dietoterapeutico che indichi per fare il pane, abbiamo la Farmo in minor quantità e la Glutafin (ora sicuramente è una mia paranoia e se non fosse stato salutare qualcuno se ne sarebbe accorto prima di me… che soffro di celiachia silente… 😥 … tu in primis) vabbè tornando sul discorso… le due farine indicate sopra hanno entrambe l’amido di frumento deglutinato e mi sono sempre chiesta… ma addizionandole non si addiziona anche la minima quantità di glutine concentrata nei 2 mix? Così da far alzare il livello di glutine consentito?
    sempre super complimenti per il tuo blog è per la felicità che ci regali!
    Un abbraccio! 😉

    Rispondi
    • Felix
      18 settembre 2017 at 11:00
      Permalink

      In linea di principio vista la bassa quantità che se ne usa ( in tutto son 220 g di farina) il rischio dovrebbe essere scongiurato, sempre meno cioè che se usassi 500 di Glutafin o di Farmo :) La Glutafin è stata la prima farina con amido deglutinato uscita sul mercato ormai 7 anni fa, e sicuramente è calibrata bene. Fintanto che è rimasta sola sul mercato non si son posti problemi. Un abbraccio e grazie a te :)

      Rispondi
  • 21 settembre 2017 at 11:16
    Permalink

    Ciao Olga! Ma quanto deve essere capiente la pentola di pirex? Da 3.75 L andrà bene?
    Grazie!!!
    Un bacione😘

    Rispondi
    • Felix
      21 settembre 2017 at 13:48
      Permalink

      Sarebbe meglio da 4 – 5 L :)

      Rispondi
  • 22 giugno 2019 at 17:07
    Permalink

    Ciao Olga, ho fatto il pane al kefir ricavato dai fermenti che mi ha regalato un mio collega. Il pane è venuto molto bello ed ha lievitato bene, soltanto che il sapore e acidulo. Ho sbagliato qualcosa? Grazie 😘
    Alessandra L.

    Rispondi
    • Felix
      25 giugno 2019 at 19:53
      Permalink

      Forse c’è troppo caldo per cui probabilmente è lievitato troppo.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>