Eccoci, quest’anno vado a rilento. Volevo provare un’altra ricetta di colomba, avrei voluto presentarvi un casatiello o un tortano, ma non lo so se ci arriverò.
Intanto ho riprovato la ricetta della Crescia di Pasqua al formaggio. Ricetta di tradizione umbra e marchigiana (nelle Marche inseriscono anche del formaggio a cubetti nell’impasto, ma per il resto, dalle ricerche fatte, ho visto che la ricetta è identica).

Anche questa è stata provata almeno 10 volte (case invase da pizze di pasqua, distribuite anche ai vicini) e ringrazio come sempre la mia amica Daniela :)

La ricetta di partenza è questa che trovate QUI che  avevo realizzato con la Molino dalla Giovanna. Stavolta ho cambiato farina, metodo di lavorazione (allungando i tempi) e materiale dello stampo.
Risultato: impasto che lievita benissimo malgrado la pesantezza degli ingredienti e che rimane stabile; torta leggera, morbida, non troppo umida, non un mattone al formaggio.

Pizza di Pasqua

 

©Pizza o Crescia di Pasqua al formaggio©

per uno stampo di carta da 750 g (diametro 10,5 per 11 di altezza; ne potete usare anche uno poco più grande perché tende a crescere)

  • 500 g di farina senza glutine Glutafin
  • 225 g di uova (sono circa 4 uova)
  • 150 g di acqua
  • 15 g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di pepe nero
  • 5 cucchiai di olio
  • 50 g di strutto (sarebbe l’ideale, il sapore cambia completamente e a me piace di più, ma se non volete o potete unite 45 g di olio)
  • 125 g di parmigiano grattugiato
  • 125 g di pecorino grattugiato ben stagionato
  • l cucchiaino di sale (io non l’ho messo, per paura che il pecorino fosse troppo salato, per cui decidete Voi se metterlo oppure no)

Variazioni: se la volete nella versione marchigiana vanno uniti anche 100 g di formaggio a pezzetti (emmental o altro che vi piace o a cui siete abituati per tradizione), volendo, diminuendo un pochino i 45 g di olio (potete anche toglierlo del tutto, semplicemente tenderà a seccare prima, l’olio ve la mantiene più morbida)

Procedimento

Poolish:
il giorno prima mescolare 172 g di farina con 150 g di acqua più 12 g di lievito fresco: lasciare in frigorifero per un minimo di 12 ore (lo vedete nella prima foto prima di andare in frigo).

Lievitino:
il giorno dopo: tirate fuori dal frigo il poolish (che si presenta come nella seconda foto) e preparate un lievitino con: due cucchiai rasi di farina 3 g di lievito di birra fresco e due cucchiai di acqua (ve ne potrebbe servire qualche goccia in più). Fatelo raddoppiare. Lo vedete raddoppiato nella terza foto.

Nel frattempo che attendete: sbattere le uova, unire il sale, il pepe, i formaggi grattugiati ed infine l’olio. Fate riposare almeno 1 oretta, così si amalgamano meglio i sapori.

Impasto finale:
nella ciotola dell’impastatrice unite il poolish, il lievitino, la restante farina ed iniziate ad impastare. Unite a cucchiaiate la cremina di uova e formaggi e lasciate che il tutto si amalgami bene e alla fine aggiungete lo strutto o l’olio, lavorando bene l’impasto per 5 minuti a una bella velocità (circa 4 nel Kenwood).
Abbassate la velocità in modalità “mescola” per unire anche il formaggio a cubetti, se avete scelto questa opzione.

Potete vedere l’impasto nella quarta foto.
A questo punto versate tutto nello stampo (nella quinta foto) e fate lievitare fino a che non si presenta come lo vedete nella sesta e ultima foto.
Io ho fatto lievitare nel forno spento, con lucina accesa: in due ore era pronto per la cottura
collage pizza di pasqua

Cottura: partite da forno freddo, statico, impostando la temperatura tra 150 e 160°. Ci vorrà circa 1 oretta, se vedete che tende a scurirsi sopra coprite con un foglio di alluminio.

Sfornate, non dovete capovolgerla perché rimane stabile, e aspettate che si raffreddi. La pizza di pasqua è più buona riposata, perché si assestano bene tutti i sapori

fetta pizza di pasqua

Un abbraccio e una Buona Pasqua da tutte noi!

Olga

Pizza o Crescia di Pasqua al Formaggio
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                         

18 Commenti in “Pizza o Crescia di Pasqua al Formaggio

  • 23 marzo 2016 at 8:50
    Permalink

    Bravissima Olga, come al solito! A quando la pizza cresciuta ma dolce? C’è lo dai qualche consiglio? Buona pasqua e grazie grazie grazie, ho imparato tanto da te.

    Rispondi
    • Felix
      23 marzo 2016 at 10:11
      Permalink

      Ciao Elisabetta :) la ricetta dolce non è poi tanto diversa, per cui:
      500 g di farina senza glutine Glutafin
      150 g di zucchero
      225 g di uova (sono circa 4 uova)
      150 g di acqua
      15 g di lievito di birra fresco
      50 g di strutto
      25 g di burro

      più un mix aromatico dolce composto da: scorze di arancia e limone grattugiate (un’arancia e un limone)
      cannella in polvere, noce moscata
      anice, quattro cucchiai di liquore (consentito) e i semi di una bacca di vaniglia
      Il mix va preparato come quello salato almeno un’ora prima.
      Per tutto il resto il procedimento rimane identico così come l’ho descritto.
      I grassi vanno aggiunti alla fine nell’impasto finale.

      Vedrò di poterlo fare anche io anche se dopo Pasqua ormai :)
      Un abbraccio
      Olga

      Rispondi
  • 23 marzo 2016 at 15:10
    Permalink

    La pizza dolce di Pasqua, che meraviglia…nel teramano si chiama “spianata” (il che fa un po’ ridere visto quanto è alta) la ricetta è simile a questa di Olga ma all’interno richiede grossi pezzi di cioccolata fondente e canditi di ogni tipo a pezzettoni. Mi è venuta voglia di provarci.

    Felice (nonostante tutto) Pasqua a tutti noi, che ce n’è bisogno.
    Un abbraccio.

    Rispondi
    • Felix
      23 marzo 2016 at 15:17
      Permalink

      Grazie Domizia, ti abbraccio a mia volta, ne abbiamo tanto bisogno.
      Se provi quella dolce dimmi che esce fuori :)

      Rispondi
      • 23 marzo 2016 at 16:18
        Permalink

        Vedo che stai usando molto la Glutafin senza altre farine, andrà bene anche per la colomba?

        Rispondi
  • Felix
    23 marzo 2016 at 20:33
    Permalink

    Si, a patto di dosare bene l’idratazione. Basati sull’idratazione che ho dato al pandoro :)

    Rispondi
  • 24 marzo 2016 at 15:18
    Permalink

    Carissima Olga sei davvero un mito! ho appena fatto questa prelibatezza e la casa è inondata da un profumo strepitoso. Ho avuto un problemino nella lievitazione finale,,,l’impasto mi ha strabordato lasciando cadere sul fondo del forno preziosissimi pezzetti d’impasto. Per tutta la cottura ho temuto fosse esploso all’interno, conferma che avro’ solo all’apertura il giorno di Pasqua ma dalla prova stecchino non mi sembra. Eppure il diametro del mio stampo alto in silicone era 16 cm e l’altezza 11 cm. Comunque vada sara’ un successo, da quando frequento i tuoi corsi sono ingrassata qualche kg ma questo è l’unico caso in cui posso ritenermi felice; mai mangiato cose cosi’ buone da quando sono celiaca. Grazie di cuore.
    Beatrice

    Rispondi
    • Felix
      24 marzo 2016 at 17:02
      Permalink

      Ciao Beatrice cara!
      vedrai che è andato tutto bene malgrado la colatura.
      Alla prossima prendilo più alto lo stampo o infornalo quando è a un livello più basso da quello che ho messo in foto: in modo che sia già asciutto quando supera il bordo dello stampo.
      Alle volte ci possono essere piccole variazioni nell’umidità dell’aria che rendono l’impasto più fluido rispetto ad un altro.
      Ti abbraccio e arrivederci a presto!
      Buona Pasqua
      Olga

      Rispondi
  • 25 marzo 2016 at 22:39
    Permalink

    Ho provato quella nella versione dolce, ma con la lievitazione diretta,buonissima! Grazie Olga…buona Pasqua!

    Rispondi
    • Felix
      26 marzo 2016 at 12:20
      Permalink

      Son contenta Paola :) grazie a te e auguri!

      Rispondi
  • 9 aprile 2017 at 22:55
    Permalink

    L ‘ ho sfornato ieri. . . fantastico! ! !

    Rispondi
  • 12 aprile 2017 at 22:58
    Permalink

    Ciao Olga!!!!! Anche in Umbria si aggiungono gustosissimi cubetti di formaggio! 😃
    Dopodomani provo questa ricetta, ne ho viste tante in giro, perché da te non riuscivo a trovarla (qui non si chiama crescia, ma semplicemente Torta di Pasqua!) ma come sempre, mi fido solo di te!!!!
    Ciao, a presto, e Buona Pasqua!!!!! 😘😘😘😘

    Rispondi
  • 13 aprile 2017 at 12:50
    Permalink

    scusami come posso sostituire la farina? di solito uso biaglut,farmo fibrepan, nutreefree. Grazie

    Rispondi
    • Felix
      13 aprile 2017 at 15:32
      Permalink

      Qui la Glutafin è fondamentale per ottenere lo stesso risultato, prova solo con la Farmo

      Rispondi
  • 25 marzo 2018 at 19:48
    Permalink

    Buongiorno…adesso che purtroppo la Glutafin è fuori produzione avete altri suggerimenti sul tipo di farina da utilizzare oppure provo con la Farmo?
    Molte grazie.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>