IMG_20201206_143341

A casa mia la pasta è sempre piaciuta e fin da piccolissima la pasta fresca fatta in casa era normalità :) amavo mettere la mani dentro la farina per impastare, era come  giocare e il risultato finale con i vari formati, gnocchetti, tagliatelle,  ravioli, tortelli e tortellini, orecchiette (avevo una mamma pugliese) tutta roba bella e buona che finiva nei piatti con tanto condimento, equivaleva ad un miracolo. Ricordando l’infanzia ho voluto osare e complice la cara Laura Tarquini, che ringrazio, sono stata invogliata ad acquistare la Pasta maker della Philips ed iscrivermi ad un gruppo dedicato alla pasta fresca senza glutine fatta con questa macchina. Per me è stata una gradita sorpresa ci sono ragazze, signore che hanno fatto di tutto, prove più o meno riuscite, veri e propri disastri, richieste di aiuto e consigli ma anche condivisione senza remore di tutti i loro non pochi successi, perciò noi ultimi arrivati  (in questi ultimi giorni il gruppo ha visto un grande aumento di richieste di iscrizione ed ecco che ritrovo tra i membri volti e nomi noti e meno noti 😉 ) non possiamo fare altro che ringraziare e citare coloro che ci hanno dato la possibilità di partire da dati già certi, il loro lavoro non può e non deve essere copiato impunemente si tratta di rispetto nei loro confronti e onestà nei nostri.

Dopo questa lunga ma dovuta premessa passiamo alla ricetta, ho fatto le tagliatelle senza uova (per me impossibile prima di oggi da fare nel senza glutine) utilizzando una farina che trovo ottima, parlo della farina per pasta fresca L’Altro Gusto, non ha alcun retrogusto, regge bene la cottura e ha quella callosità tipica della pasta fresca che a me tanto piace. Le dosi le ho prese da un post di Simona Candian:

  • 400 g farina per pasta L’Altro Gusto
  • 220 g acqua
  • 1 pizzico di sale

Lei mette olio io no, poi dopo aver letto in altri post ho seguito il consiglio di mettere l’acqua tiepida max 40° in modo da ottenere un impasto più omogeneo ed elastico, mi raccomando attenti a non metterla bollente. L’impasto in lavorazione si presenta bricioloso, in un gruppo con il glutine spiegano la consistenza dicendo che deve risultare simile al cous cous. Resistete alla tentazione di aggiungere acqua pensando che un impasto così asciutto mai uscirà dalla trafila perchè non è così 😛 e in ogni caso se proprio volete aggiungerla fatelo partendo da una dose minima e mettete con un cucchiaino pochi g per volta.

L’ho cotta in acqua bollente per pochi minuti 😉 buona buona

IMG_20201206_143333

In questa foto Olga già nel 2012 usava questa farina e con il torchio Kenwood trafilava la pasta fresca corta e lunga senza uova QUI il link

pasta2

pasta4

Continuerò e provare perchè ormai ci ho preso gusto e perchè i risultati meritano.

Un abbraccio, Daniela

Pasta fresca senza uova con farina L’Altro Gusto trafilata con la Pasta Maker
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>