Nel corso degli anni l’ho provato tante volte (rientra tra i miei vecchi esperimenti con svariate farine) ed ho pensato di rifarlo con il mix per pane sperando mi riuscisse meno umido rispetto a come mi è sempre venuto. Finalmente lo è! E’ morbidissimo, profumato, si mantiene molto molto bene per due giorni (io lo consumo senza scaldarlo).
Il sapore della ricotta si sente, ma il grado di intensità dipende dalla ricotta che usate… la mia era delicata e quindi si sentiva il giusto.
Vi lascio le vecchie ricette, se vorrete adattarle con il mix per pane che usiamo noi son sicura che riusciranno bene

Pane alla ricotta senza glutine

  • 500 g di Mix per pane nella variante con la Glutafin
  • 310 g di acqua tiepida
  • 25 g di lievito di birra (anche 20 g se volete prolungando di poco i tempi di lievitazione)
  • 250 g di ricotta fresca
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 2 cucchiaini di sale

Ho usato l’impastatrice.
Nella ciotola ho versato l’acqua, lo zucchero e il lievito, ho sciolto tutto e fatto riposare per 10 minuti.
Poi con l’impastatrice in funzione ho unito la farina cucchiaio per cucchiaio, e quando l’impasto si presentava piuttosto amalgamato ho unito la ricotta piano piano.
Fate che la ricotta si amalgami bene e poi unite l’olio e il sale.
Lasciate impastare per 5 minuti buoni a velocità sostenuta.
Ponete a lievitare per circa 1 ora – 1 ora e mezza e quando l’impasto ha triplicato il proprio volume, scaravoltatelo sulla carta da forno bene infarinata.
Senza quasi toccarlo dividetelo in due con una spatola in metallo, cercate di dare a ogni pezzo forma tonda senza forzare l’impasto. Infarinate la superficie e coprite con un panno.
Nel frattempo scaldate il forno a 250° con la refrattaria dentro e due pentoline di pirex senza coperchio.

Dopo 30 minuti trasferite le pagnotte con tutta la carta da forno sulla refrattaria e copritele con le pentoline ponendole sopra a cupola.
Fate cuocere 40 minuti coperto e 15 minuti scoperto.

 e di seguito i miei vecchi esperimenti….
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 22 giugno 2007

  • 250 g di latte
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaino e mezzo di sale
  • 2 cucchiai di olio
  • 250 g di ricotta
  • 200 g di agluten
  • 150 g di mix B
  • 150 g di farmo/coop
  • 15 g di lievito

Ho introdotto gli ingredienti nella macchina del pane: programma impasta e lievita. Al termine ho messo l’impasto in un stampo da plum cake ed ho fatto lievitare altri 40 minuti in forno tiepido.

L’ho spennellato con del latte ed ho aggiunto il sesamo nero e l’ho cotto per 50-60 minuti a 180°.

 

 

 

 

Pane alla ricotta ed erba cipollina

  • 220 g di acqua
  • 80 g di ricotta
  • 20 g di olio
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 180 g di Farmo senza lattosio
  • 50 g di agluten
  • 70 g di Mix B
  • 10 g di lievito di birra secco
  • 10 steli di erba cipollina

Il procedimento è identico a quello sopra. Ho solo aggiunto l’erba cipollina spezzettata al beep della mdp e poi ho spennellato con l’olio invece che con il latte, senza mettere i semini si sesamo. Morbidissimo anche questo.

Pane alla ricotta senza glutine
Stampa&Invia...
Condividi:
Share
Taggato in:         

12 Commenti in “Pane alla ricotta senza glutine

  • 21 giugno 2010 at 13:28
    Permalink

    meno male che non sei tipa che si arrende facilmente!!

    ho giusto della ricotta -di pecora!- in frigo…. adesso chiedo a torkino se vuole roba dolce o roba salata

    ciao ciccia

    Rispondi
  • 21 giugno 2010 at 14:06
    Permalink

    Wow, il pane con la ricotta non l'avevo mai sentito!Dev'essere buonissimo!

    Rispondi
  • 21 giugno 2010 at 15:13
    Permalink

    Nemmeno io l'ho mai sentito prima…ma da dovi le tiri fuori ste meraviglie? direi che è fantastico e da provare, tostato e con qualche buon salume sopra sarà ottimo….
    Bravissima 😀
    bacini bacini

    Rispondi
  • 21 giugno 2010 at 19:27
    Permalink

    Provatelo ragazze, è un pane davvero morbidissimo!

    Grazie 🙂

    Rispondi
  • 22 giugno 2010 at 10:05
    Permalink

    Ciaoooooo ho letto un tuo commento su THE GUSTIBUS alla mia ricetta del pollo cocco e curry.. e non potevo non venirti a trovare.. Sei bravissima a panificare…io in quello son proprio una frana! ahahahha son pigra più che altro!!! Se ti va.. vienimi a trovare ogni tanto anche nel mio blog… Ciaooooo

    Rispondi
  • 22 giugno 2010 at 10:21
    Permalink

    Ciao Claudia benvenuta! Grazie!

    Corro subito a trovarti sul tuo blog! 🙂

    Rispondi
  • 23 giugno 2010 at 10:32
    Permalink

    Una volta l'ho fatto anche io il pane con la ricotta, ed è molto buono.

    Ho visto questa ricetta modificata da te (Olga) con le varie dosi di farine, ma ogni volta è sempre bellissimo.
    Non finirò mai di ripetertelo.
    Brava

    baciotti

    Rispondi
  • 2 luglio 2010 at 17:27
    Permalink

    Ciao Felix, adesso che ti ho trovato…….sigh, sigh…iniziamo con una domanda ben precisa, relativa al mio pane. Da qualche anno mi cimento nella preparazione di pani sia glutinosi che aglutinosi, di ottimo sapore direi e, già così andrebbe bene però….pecco nella seconda lievitazione, mi spiego meglio: dopo l'impasto metto il tutto in una ciotola coperta da un canovaccio umido e cresce benissimo; dopo reimpasto bene, faccio due o tre forme e le metto a far ricrescere direttamente nella teglia su carta da forno con lo stesso panno umidificato e nella stessa zona precedente. Dopo circa un'ora o più il pane non è tanto cresciuto e inoltre si è allargato, soprattutto. Dove posso aver sbagliato?
    Ancora: il pane glutinoso, nel forno cresce un pochino, il pane aglutinoso si allarga ulteriormente.
    PER FAVORE…rispondi!!
    Francesca per Giacomo

    Rispondi
  • 4 luglio 2010 at 16:09
    Permalink

    Il fatto che il pane si allarghi anche in cottura dipende principalmente dall'assenza di glutine: manca il reticolo glutinico e quindi l'impasto non tiene insieme i gas della lievitazione.
    Ora… per riuscire ad ovviare a questo problema (almeno in parte) è necessario usare le farine senza glutine giuste ed azzeccare la corretta quantità d'acqua da aggiungere all'impasto.
    Non ultimo è necessario non fare andare oltre il tempo massimo la seconda lievitazione altrimenti il pane collassa e si abbassa. Di solito 20 minuti in seconda lievitazione bastano. Ed in ogni caso anche ad occhio il pane va infornato quando è poco meno che raddoppiato.
    Per aiutarti meglio ho bisogno di conoscere la ricetta che segui e le farine senza glutine che usi.

    Un abbraccio e a presto! 🙂

    Rispondi
  • 4 settembre 2012 at 14:20
    Permalink

    Adoro questo pane!!! Domanda..è possibile utilizzare il metodo del pane di 5 minuti con questo impasto?? facendo cioè l'impasto la sera prima, metterlo in frigo e ritirarlo fuori il giorno dopo x metterlo direttamente in forno?? 😉 baci e grazie Ba

    Rispondi
  • 4 settembre 2012 at 16:36
    Permalink

    Si si Ba! Io ho il libro di questa tipa americana e lo fa in tutti i modi con il metodo 5 minuti 😉
    Un bacione 🙂

    Rispondi
  • 5 settembre 2012 at 14:46
    Permalink

    Grande Felix 😉 Proverò!!! Ba

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.