E’ una rivisitazione, nel ripieno, del falsomagro siciliano, un po’ più leggero rispetto alla ricetta classica, si può fare anche con la carne di vitello e con la fesa di tacchino

Dsc03140

Il mio falsomagro

Ricetta inserita da me su Cis il 21 settembre 2008

  • 800 g di carne di manzo in una sola fetta (io poi l’ho divisa in due)
  • 3 uova
  • 1 pugnetto di parmigiano grattugiato
  • 250 g di spinaci freschi
  • 100 g di prosciutto cotto (consentito dal prontuario AIC)
  • 100 g di formaggio dolce (ho usato l’Auricchio giovane)
  • 3 cucchiai di olio
  • sedano, carote, cipolla
  • 1 aglio
  • 100 ml di vino rosso
  • brodo
  • sale e pepe

Sbattete le uova con il parmigiano grattugiato ed un pizzico di sale. Preparate una frittatina sottile e mettetela da parte.
Nella stessa padella fate appassire gli spinaci freschi mondati e puliti e spegnete.

Stendete la carne su di un tagliere e battetela un po’, condite con pochissimo sale e pepe

 

Sopra la carne adagiate la frittata, gli spinaci, le fette di prosciutto ed infine il formaggio a fettine sottili
(io ne ho preparati due piccoli, quindi ho diviso a metà gli ingredienti su ogni fetta di carne)

 

Arrotolate e chiudete bene con lo spago oppure con una retina elastica, io ho usato quest’ultima.
Eccoli pronti

 

Ponete sul fuoco un tegame, scaldate tre cucchiai di olio e fatevi soffriggere un trito finissimo di cipolla, sedano e carota più un aglio in camicia (non sbucciato ma solo schiacciato con la mano)

 

Fatevi rosolare il falsomagro girando la carne in modo che si colorisca da tutti i lati

 

Quando è colorita, sfumate con il vino rosso

 

Incoperchiate e fate cuocere a fuoco basso per circa un’ora o anche più se serve. Se durante la cottura si asciuga il fondo bagnate con poco brodo caldo.

Consumare tiepido o freddo

Mi spiace non avere la foto delle fette, ma avevo portato tutto da mia suocera e per la fretta avevo dimenticato la macchina fotografica. Comunque l’effetto interno è carino con il giallo della frittata ed il verde degli spinaci.

Il Mio Falsomagro
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                         

14 Commenti in “Il Mio Falsomagro

  • 12 gennaio 2011 at 8:32
    Permalink

    MI HAI FATTO RITORNARE INDIETRO DI SECOLI: LO FACEVA SEMPRE LA MIA NONNA!!!
    Baciiii

    Rispondi
  • 12 gennaio 2011 at 9:16
    Permalink

    ottima e gustosa idea per cucinare la carne che per me rimane sempre in disparte,non so perchè… non penso mai ad elaborarla con cura e attenzione .Mi sarà molto utile per sabato,dato che avrò i miei figli a pranzo,grazie!!!approfitto per farti gli auguri di un felicissimo 2011.mi scuserai ma sono rientrata da poco a casa e non avevo il Pc con me.un grande abbraccio e una splendida giornata

    Rispondi
  • 12 gennaio 2011 at 9:17
    Permalink

    Ottimo!!!!!!!!
    Se me ne mandi una fetta, ad ora di pranzo ci starebbe proprio bene:-)

    Rispondi
  • 12 gennaio 2011 at 9:18
    Permalink

    Che bello che bello! Anche io mi propongo di farlo; è una di quelle ricette che mi balena sempre in testa; lo faccio come da tradizione della mia famiglia e poi lo confrontiamo, che dici?
    Brava; mamma, sono le 10:00 ed io ho già l'acquolina!

    Rispondi
  • 12 gennaio 2011 at 9:37
    Permalink

    Grazie per questa ricetta! Devo imparare di più sulla cottura della carne e mi è utile.
    A presto!

    Rispondi
  • 12 gennaio 2011 at 10:19
    Permalink

    Ciccia questa ricetta la conoscevo ma non questo ripieno…. :) mi piaice molto e la immagino col tacchino 😀 grazie mille gioia e buona giornata.

    ps. facendo un giro nel blog celiaci ho notato quanto voi e i vs mix abbiante cambiato la nostra prospettiva di vita gastronomica! davvero prima eravamo dei poveracci che mangiavano pane et similia davvero pietosi…ora è un'altra cosa! Siete davvero troppo in gamba. bacioni :X

    Rispondi
  • 12 gennaio 2011 at 16:05
    Permalink

    mi hai fatto venire una voglia…mamma mia che piatto, che sapore che….WOW!
    buonissimo

    Rispondi
  • 12 gennaio 2011 at 19:43
    Permalink

    Grazie! :)
    Questo è per me il piatto-famiglia, appena ne sento il profumo penso ai miei, a casa giù in Sicilia: la ricetta è di mamma :)
    Mi ricordo di quando lo faceva in modo classico… con un ripieno più robusto e le uova sode intere dentro come vuole la tradizione, ma così lo preferisco secondo me è molto più gentile…

    Soniuccia :X

    Rispondi
  • 12 gennaio 2011 at 20:07
    Permalink

    Ma com'è possibile, ho di nuovo fame!!!!!
    Colpa di questi arrostini fantastici!!!!!!
    Che bontà e che acquolina!!!!!!!!!!!!
    Un bacione e complimenti!!!!!!!!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>