Con questa ricetta proviamo ad aderire al quinto World Brad Day… è il pane a cui sono più affezionata! Anche se è un pane senza glutine ci si prova uguale… in fondo la spiga del logo può assomigliare a qualunque spiga anche di riso o ricordare la forma della pannocchia di mais…

Perché è il pane di Simone? Simone è il figlio della mia cara amica Betty… la quale un giorno, parlando al telefono, mi dice che non aveva ancora provato il Brot Mix, perché aveva il timore che al suo piccolo non piacesse (ma i semini gli piacciono)

Io ci penso un po’ su e decido di riadattare un pane che avevo realizzato anni fa con una farina integrale Schar che credo non facciano più (ve la ricordate la Gluteno?) e anche allora era difficilissima da trovare. Il Brot-Mix che fanno adesso è di molto superiore, lievita molto bene, la Gluteno invece lo faceva con molta difficoltà.
QUI trovate la ricetta originale con il glutine.
L’ho realizzato pensando a lui e… sarà un caso, ma è il pane più bello e più buono mai uscito dal mio forno
Un bacione a te Simone! :-)
Pane semi-integrale ai semi di girasole gluten free

  • 430 g di acqua tiepida
  • 2 cucchiai di olio
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero o malto di mais 100%
  • 400 g di mix di farine dietoterapeutiche per pane e focacce senza glutine nella variante con la glutafin
  • 100 g di farina senza glutine Brot MIx
  • 22 g di lievito di birra fresco
  • 4 cucchiai di semi di girasole e un pizzico di semi di sesamo nero
Ho sciolto il lievito nella ciotola dell’impastatrice con lo zucchero (o malto di mais), e poi ho unito cucchiaio per cucchiaio le farine, il sale, l’olio e i semi di girasole e sesamo. Ho lasciato impastare per 5 minuti.
Ho fatto lievitare fino a che non triplica di volume (a me ci è voluto 1 ora e mezza).
Ho messo a scaldare la refrattaria a 250° con due pentoline di Pirex dentro senza coperchio.
Ho scaravoltato sul piano infarinato, con una spatola e senza toccare l’impasto con le mani, ho formato due pagnottine cercando di dare la forma tonda, ma senza sforzarlo.
Si lasciano riposare con un panno sopra per 20 – 30 minuti circa.
(pagnottina al termine del riposo)
E poi si infornano sulla refrattaria bollente con la pentola di Pirex capovolta sopra così:
in questo modo si cuoce benissimo e non c’è bisogno di spennellare alcunché per il colore.
40 minuti coperto e 20 minuti senza la pentola di pirex
Sfornare e fare raffreddare su una griglia…
_________________________________________________________________
Vi lascio anche la vecchia ricetta….
ricetta da me inserita su Cis il 18 maggio 2007
  • Ingredienti
  • 400 g di acqua
  • 2 cucchiai di olio
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 150 g di agluten
  • 100 g di mix B
  • 50 g di Farmo
  • 200 g di farina integrale gluteno Vital (Schar)
  • 25 g di lievito fresco
  • una manciata di semi di girasole
Inserite gli ingredienti nella macchina del pane nell’ordine su riportato. Programma impasta e lievita, al beep aggiungere i semi di girasole. Al termine mettere l’impasto che risulterà morbido e appiccicoso dentro una teglia circolare rivestita di carta da forno livellare con una spatola bagnata in acqua e porre a lievitare circa 20 m in forno caldo, ma spento (l’impasto deve raddoppiare il proprio volume). Spennellare con acqua e olio e cuocere in forno a 220° per 40 m. circa.

 

Pane Semi-Integrale ai Semi di Girasole ovvero il Pane di Simone
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                                 

10 Commenti in “Pane Semi-Integrale ai Semi di Girasole ovvero il Pane di Simone

  • 16 ottobre 2010 at 6:50
    Permalink

    ma quanti nipotini di web accontenti nelle loro richieste te??

    adesso lancerò lo slogan: "meno male che c'è zia olgh!"

    p.s. fai bene a partecipare, a vederlo sembra veram perfetto 'sto pane

    Rispondi
  • 16 ottobre 2010 at 20:05
    Permalink

    Anche questo e' un pane vero! E' da circa un mese che lo faccio ogni settimana e anche i miei se lo mangiano al posto di quello glutinoso. Brava Olga! Un abbraccio

    Rispondi
  • 16 ottobre 2010 at 20:14
    Permalink

    Olga è un pane davvero invitante 😉
    Complimenti :X
    Un baciotto a Simone cucciolotto :-*

    Rispondi
  • 17 ottobre 2010 at 6:41
    Permalink

    Your glutenfree loaf looks perfect. Grazie per la tua partecipazione al World Bread Day

    Rispondi
  • 17 ottobre 2010 at 7:14
    Permalink

    @ Vale:ahahahah! Lo slogan ci mancava… mi sento tentata… mi propongo per la presidenza!
    A proposito di nipotini web dai un bacione a Torkino!

    @ Lidia: davvero!?! Sono stracontenta!!! Grazie e un abbraccio a te LIdia!

    @ Linda: grazie :X

    @ Zorra: yours is a very intelligent initiative and I am participating with great interest.
    Yours sincerely
    Olga

    Thanks Zorra :)

    Rispondi
  • 18 ottobre 2010 at 7:41
    Permalink

    Olghina, sono molto emozionata …., non trovo le parole per ringraziarti per tutti gli aiuti che mi hai dato e che continui a darmi, questo pane ha fatto felice Simone voleva il pane nero e zia Olga ha risolto il problema, è buonissimo ma non avevo dubbi.
    Condivido con Vale/Tork lo slogan.
    Un grande abbraccio, bacio betty :X

    Rispondi
  • 18 ottobre 2010 at 8:04
    Permalink

    carinissima l'idea di cuocerla con la pentola di pirex sopra, non ci avevo mai pensato!! l'hai visto il nostro panino alle olive?? era il primo.. invece vedo che tu sei un'esperta!!
    Mi sveli un mistero? riceviamo un sacco di visite dal tuo blog, hai messo un link da qualche parte? perche io non lo vedo!!
    A presto
    Marzia

    Rispondi
  • 18 ottobre 2010 at 9:03
    Permalink

    Un grande abbraccio a te amica mia :X Grazie!

    Buondì Marzia :)
    Adesso vado a sbirciare il pane alle olive, che io adoro tra l'altro…

    Sì ti svelo il mistero: ho messo il link sulla colonna di destra nell'elenco dei blog di cucina classica 😉 se clicchi su "mostra tutto" trovi tutto e ci siete anche Voi
    Voi siete simpaticissime, il blog fresco e divertente…
    Un bacione e a presto :)

    Rispondi
  • 14 maggio 2012 at 14:42
    Permalink

    La mia domanda é: come fai a mettere e togliere le ciotole? Io conoscendomi rischierei di arrostirmi! Bella ricetta, c proverò.

    Rispondi
  • 8 giugno 2015 at 20:52
    Permalink

    ciao Olga :)
    l'ho fatto! Con delle modifiche però: non ho usato la glutafin, senza mdp e senza pentola in pirex. Forse un tantino salato per me ma sono proprio soddisfatta. Squisito :) e bruschettato..mmmmmm….gnam!
    grazie :*

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>