broccoli siciliani… giusto per non dimenticare le mie origini. Come al solito, anche stavolta ho pasticciato, lo avrò già detto tante volte: mi annoia rifare le ricette tali e quali anche quando sono le mie…
Ho dato una lievitazione lenta ma non troppo, visto che mi prese di impastare alle 4 del pomeriggio nella pausa caffè.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©Pan Farcito Semintegrale ai Broccoli Ripassati©
che ci ho messo per non avere un panetto troppo molle o appiccicoso:

  • 400 g di mix per pane
  • 2 cucchiai abbondanti di farina di Teff (è un peccato che non si trovi in Italia, perché è di ottimo sapore ed è l’unica farina naturale senza glutine davvero integrale. Avendo il chicco piccolissimo non è possibile separarlo dalla membrana che lo ricopre e quindi viene tritato tutto. Se non avete il Teff metteteci il Brot Mix Schar che è una dietoterapeutica)
  • 2 cucchiai di farina di amaranto (l’ho tritato io con il Mulino ed è buonissimo con il suo sapore spiccato di nocciola)
  • 6 g di lievito di birra fresco (io lo uso sempre congelato, dal freezer direttamente nell’acqua tiepida. Funziona)
  • 350 g di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 10 g di sale
  • 40 g di olio

per il ripieno:

  • 1 testa di broccolo grandicella già cotta al vapore
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 peperoncino
  • 1 aglio
  • 4 – 5 filetti di acciughe
  • qualche olivetta nera denocciolata

Il procedimento è il solito: versate l’acqua nella ciotola aggiungeteci lo zucchero ed il lievito, fate riposare qualche minuto. Poi con l’impastatrice in funzione unite le farine, cucchiaio per cucchiaio, infine il sale e l’olio. Si formerà una palla appiccicosa, aggiustatela con una spatola, coprite la ciotola con la pellicola e fate lievitare fino a quando non dovrete preparare per la cena o il pranzo se impastate la mattina (io l’ho lasciato circa 4 ore, ma poteva stare anche qualche oretta in più). Tenete presente che le farine naturali modificano il risultato della lievitazione, la rendono meno eclatante (anche in proporzione di quanto ne aggiungete) rispetto alle farine dietoterapeutiche, quindi anche se l’impasto lievitato vi sembrarà diverso dal solito, più seduto diciamo, va bene uguale.
Nel frattempo preparate il ripieno: fate andare l’olio con l’aglio ed il peperoncino, scioglieteci dentro le acciughe, unite le olive e infine i broccoli e lasciate insaporire per bene. Spegnete e fate raffreddare, quando li aggiungerete all’impasto devono essere freddi ed asciutti.
Siamo pronti per preparare il tutto: intanto accendete il forno e fatelo scaldare bene, 220° circa, io ho arroventato la leccarda del forno.
Prendete l’impasto lavoratelo un pochino con le mani infarinate. Stendete un foglio di carta da forno e stendeteci sopra l’impasto con le mani stavolta ben unte, stendete come se fosse una focaccia, quasi ad ottenere un rettangolo, versate il composto solo su metà del rettangolo ottenuto, aggiungeteci dei pezzettini di formaggio se volete (se fosse troppo non mettetelo tutto) e coprite con l’altra metà di impasto su cui non avete messo nulla: a libro per intenderci, come un grande calzone.
Chiudete bene i bordi, spennellate con qualche cucchiaio di olio, lasciatela riposare ancora una trentina di minuti e poi cuocete in forno bollente per circa 25 minuti in tutto.

E’ venuta sofficissima e molto molto buona!
Anche se l’alveolo vi pare a tratti chiuso il pane è molto leggero e spero si veda nella foto a sinistra dai miei smozzichetti 😛

Mio marito parlò di “capolavoro”, ma lui è di parte e quindi totalmente inattendibile 😉

Una buona giornata a tutti :)

Pan Farcito Semintegrale ai Broccoli Ripassati
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                     

15 Commenti in “Pan Farcito Semintegrale ai Broccoli Ripassati

  • 18 novembre 2011 at 10:47
    Permalink

    farina di amaranto non presente nella mia dispensa, ma ho quella di teff 😉

    ne mangerei volentieri metà

    V.

    Rispondi
  • 18 novembre 2011 at 12:38
    Permalink

    facciamo a cambio Vale? Io ti mando l'amaranto in polvere.. tu mi allunghi il Teff 😛

    Molto molto molto interessanti questo pane ripieno…

    Rispondi
  • 18 novembre 2011 at 14:01
    Permalink

    Terzo commento! Ho scoperto oggi l'amaranto… e ci credo che il tuo pane sia un capolavoro… ma dove la trovi la Teff?

    Rispondi
  • 18 novembre 2011 at 14:06
    Permalink

    Presa on line su un sito gluten free statunitense…
    Grazie ragazze :)

    Rispondi
  • 18 novembre 2011 at 14:20
    Permalink

    Pur non avendolo assaggiato, già dalle foto sento di poter dire che il maritozzo ragione ebbe! Mamma mia che goduria che dev'essere con quella farcitura di broccoli… Olga, come sempre sei impareggiabile!

    PS: anche a te viene ogni tanto il trip di impastare nelle ore più impensate??? ;-P

    Rispondi
  • 18 novembre 2011 at 18:00
    Permalink

    Mamma mia Olghina è bellissimo e dev'essere anche super buonissimo !!! Mi ha colpito questo pane farcito, anche perchè a me i broccoli piacciono tanto tanto !!! Sei davvero straordinaria !!! Ti bacio Roby ! :-)

    Rispondi
  • 18 novembre 2011 at 23:12
    Permalink

    Uuuhhhh, che bellooo!!! Immagino che buono! Prendo spunti, grazie:))
    Bacione

    Rispondi
  • 19 novembre 2011 at 9:19
    Permalink

    è in credibile quello che riesci a fare con gli ingredienti glutenfree… il tuo blog meriterebbe di stare in tutte le top list solo per il fatto che per chi cucina senza glutine è un ottimo punto di riferimento, senza contare che una visita qui ti porta speranza infatti a volte quando provi e riprovi, perdi proprio la speranza! Brava Olga, sei il mito delle cuoche glutenfree!!! 😀

    Rispondi
  • 19 novembre 2011 at 16:08
    Permalink

    adoro questi ripieni rustici, con i broccoli poi che bontà!!
    buona domenica

    Rispondi
  • 19 novembre 2011 at 16:26
    Permalink

    Ma il pane ti esce così meraviglioso usando questi ingredienti?? Cavolo devo provarci assolutamente!! Dopo i primi esperimenti disastrosi (ammetto, solo due) ho rinunciato e barrato a vita il pane celiaco fatto in casa. errore? vedendo il tuo indubbiamente! Da provare :) E da oggi, hai una lettrice in più :)

    Rispondi
  • 19 novembre 2011 at 17:08
    Permalink

    Ciao
    finalmente una ricetta per usere la farina di teff comprata in Germania. Grazie!!! Attendo altri suggerimento d'uso, visto che siete bravissime.
    Laura

    Rispondi
  • 25 novembre 2011 at 19:52
    Permalink

    Che dire,veramente fantastico rimane morbidissimo,sono riuscita a farlo assaggiare anche a mio figlio ed ed è stata un impresa perchè aveva bandito il mio pane senza glutine e a ragione direi perchè fino a quando non ho scoperto le tue ricette era immangiabile!Spero che nonostante esistono persone pronte a sfruttare e a copiare le tue ricette passandole per proprie tu voglia sempre condividere con noi tutto questo perchè per noi sei un punto di riferimento.Io non sono riconosciuta celiaca per questo devo ringraziare dottori che non hanno saputo fare il loro lavoro,però purtroppo non posso introdurre glutine nella mia dieta perchè ho tutti ma proprio tutti i sintomi della celiachia e grazie a questa dieta sono riuscita a tenere sotto controllo la tiroide senza dover assumere medicinali.Sappiamo tutti quanto costano gli alimenti senza glutine e per me avere un punto di appoggio come voi per riuscire a cucinare e a mangiare bene senza dover più buttare niente mi fà sentire veramente grata nei vostri confronti che avete messo il vostro lavoro e la vostra esperienza a disposizione di chi ha veramente bisogno!Scusami se mi sono dilungata parecchio ma ci tenevo a dirti queste cose!Grazie di nuovo!Bacio Silvia

    Rispondi
  • 25 novembre 2011 at 20:05
    Permalink

    Che bello trovare questo tuo commento Silvia! Son proprio felice che ti sia piaciuto questo pane :D!
    E per quanto mi prendano i c.d. 5 minuti di nervi, mai sono riuscita a non condividere qualcosa, e continuo esattamente come faccio da sempre.
    Nella vita si impara fino a alla fine e si vede che imparerò a non badarci e a farmi scivolare queste cose addosso.
    Grazie a te Silvia davvero! Un abbraccio :)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>