Finalmente l’ho trovata la ricetta per far venire questo pane per come si deve!
Ed è una delizia! Ho tratto ispirazione da un piccolo libro sul pane con glutine che avevo dimenticato di possedere, si intitola “Facile come il pane” autrice Patrizia Roaldi, edizioni Red.

Dice l’autrice che questa ricetta gliel’ha raccontata un’anziana signora maremmana.
Io ovviamente ho cambiato le farine, ho aggiustato il tiro sulla biga, sulla quantità di lievito e di farina, ma diciamo che lo scheletro della ricetta è quello originale, anzi metto tra parentesi le dosi della ricetta con glutine, chissà che qualche “glutinoso” ci voglia provare.

Per una pagnotta di 750 g di peso…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©Pane con Farina di Castagne©
Le dosi tra parentesi sono della ricetta originale con glutine

Per la biga

mescolare tutto insieme con una forchetta e fate lievitare 12 ore

Per l’impasto

  • tutta la biga
  • 150 g di farina di castagne come da prontuario Aic (300 g di farina di castagne)
  • 250 g di mix di farine dietoterapeutiche per pane (250 g di farina)
  • 15 g di lievito di birra (20 g di lievito)
  • 5 g di zucchero
  • 320 g di acqua
  • 20 g di olio
  • 10 g di sale

Mettete la biga dentro la ciotola dell’impastatrice, unite l’acqua, lo zucchero ed il lievito di birra. Sciogliete il tutto.
Poi con la macchina in funzione aggiungete le farine e solo alla fine l’olio ed il sale.
Fate lievitare in luogo tiepido (ideale il forno leggermente intiepidito e spento) fino a che non lo vedete raddoppiato. A me ci sono volute due ore, ma considerate che l’ho fatto con le temperature sotto zero…
Spolverate molto bene il piano di lavoro con il Mix it DS, scaravoltateci sopra l’impasto molto delicatamente, rigiratelo ma non rilavoratelo a mano e posatelo su un foglio di carta da forno. Arrotondate un po’ la forma con una spatolina e fatelo riposare circa 25 minuti, il tempo che si scaldi il forno.
Cuocete 10 minuti a 240° e 40 minuti a 200° e non fate come me che me lo sono dimenticato in forno altri 15 minuti…

Ottimo! Un profumo che si sprigiona per casa straordinario (come di caldarroste), si accompagna con salumi, un buon lardo morbido e dolce e formaggi freschi e cremosi: robiola, ricotta, crescenza, etc…

“Con questa ricetta partecipo al contest “The Foodbook – il libro è servito” di Polvere di Peperoncino in collaborazione con Bibliotheca Culinaria

Pane con Farina di Castagne
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                         

24 Commenti in “Pane con Farina di Castagne

  • 11 febbraio 2012 at 7:15
    Permalink

    Dev'essere profumatissimo davvero! Mi sono portata dietro un po' di farina di castgne, ma non abbastanza per poterci fare anche il pane (devo fare prima frittelle, ciacci e castagnaccio – una volta per uno) e quindi mi sa che me la finiro' tutta, ma quando torno in Italia ci faro' un pensierino.

    Ciao e buon fine settimana
    Alessandra

    Rispondi
  • 11 febbraio 2012 at 8:45
    Permalink

    ancora sono timorosa nel provare a fare la biga, ma questo pane mi ispira da morire! Mi Sto arrivando! Che mi hai convinta!

    Rispondi
  • 11 febbraio 2012 at 8:59
    Permalink

    Buongiorno ragazze :) Il pane si mantiene anche piuttosto bene nei giorni seguenti, ho fatto la prova a non congelarlo e rimane proprio buono!
    Arrivo Marilou, grazie per l'invito e partecipo molto volentieri :)

    Un buon fine settimana anche a Voi!

    Rispondi
  • 11 febbraio 2012 at 13:24
    Permalink

    non ti smentisci…spettacolare la pagnotta di pane!
    buon we

    Rispondi
  • 11 febbraio 2012 at 14:27
    Permalink

    Inserita nell'elenco dei partecipanti!! allora in bocca al lupo! 😀

    Rispondi
  • 11 febbraio 2012 at 20:28
    Permalink

    La crosta di questo pane è meravigliosa…mi piacerebbe saperla fare così!!!!
    Un caro saluto.

    Rispondi
  • 12 febbraio 2012 at 16:42
    Permalink

    Io, ovviamente, non l'ho fatto bene così, ma, pochi giorni fa, ho provato anch'io ad usare la farina di castagne con la Brot Mix…son rimasta soddisfatta, molto. Credo di postarlo dom prox.
    Un abbraccio, sempre brava.

    Rispondi
  • 13 febbraio 2012 at 7:41
    Permalink

    Deve essere buonissimo questo pane con la farina di castagne, peccato che io l'abbia finita. Mi toccherà tornare a comprarla!! 😉

    Rispondi
  • 16 febbraio 2012 at 18:21
    Permalink

    Questo pane è fantastico, davvero bello a vedersi, e sicuramente ottimo da mangiare!!!!!! Non vedo l' ora di provarlo!!!! Sei sempre mitica!!!!!

    Rispondi
  • Pingback: Pane con farina di castagne | Dolce & Salato Senza Glutine

  • 8 ottobre 2016 at 21:54
    Permalink

    La biga ha questa composizione: 100 farina 50% acqua 1% lievito di birra. Quella da te descritta si chiama polish

    Rispondi
    • Felix
      9 ottobre 2016 at 0:23
      Permalink

      Con glutine si è come dici tu, senza glutine così non si può fare perché le nostre farine assorbono e devono assorbire molto di più. Infatti per noi il poolish è più idratato del 100% classico, quando faccio il poolish senza glutine uso 100 di farina e 150 circa di acqua. Inoltre una biga non si distingue solo dall’idratazione ma e soprattutto dalla quantità di lievito per le ore di lievitazione. Il rapporto di una biga è sempre costante: 100 di farina 1g di lievito; 200 di farina 2g di lievito e così via, per un tempo che va da minimo 18 ore ad un massimo di 48 ore. Il poolish risponde in modo diverso con l’1% di lievito ed alta idratazione (per noi senza glutine oltre il 100%) matura per massimo 16 ore. Io queste cose le ho imparate leggendo i libri di Giorilli e delle sorelle Simili e poi le ho riadattate sulle mie farine che – lo ripeto – non possono essere lavorate come quelle con glutine. Con quelle proporzioni che leggi in ricetta l’impasto biga senza glutine è denso, per nulla liquido, con meno acqua resta duro e non matura nemmeno se aspetti mille anni.

      Rispondi
  • 21 novembre 2016 at 21:09
    Permalink

    Eccerto che c’è qualche “glutinosa” che ci vuole provare, anche se arriva dopo 4 anni! 😆
    Una domanda Olga: cosa intende l’autrice con “lievito” (che tu metti tra parentesi)? lievito naturale? ldb non meglio specificato? sono confusa…

    Rispondi
  • 15 febbraio 2017 at 13:30
    Permalink

    É in forno! Ed é bello bello bello 😎
    Il pane 🍞 ha lievitato 2h ed era enorme! Già l aspetto in forno da soddisfazione… Questa sera lo gusterò.. Chissà che saporino di castagna…

    Rispondi
  • 15 febbraio 2017 at 15:59
    Permalink

    😉 appena sfornato…
    wow.. primo pane con il lievitino e sono soddisfattissima.. è bello buono e saporito! e in sapor di castagna è molto delicato.. l ho cotto sulla pietra :smile: . un pane davvero da provare! Questa sera lo gusterò con una bella fetta di prosciutto!
    … il tuo blog è ormai FONDAMENTALE per me xD

    Rispondi
  • 22 marzo 2017 at 9:28
    Permalink

    Adoro la farina di castagne e mi piacerebbe provare questo pane. Se, per caso, volessi farlo con il vostro licoli, come dovrei procedere?

    Rispondi
    • Felix
      23 marzo 2017 at 16:50
      Permalink

      Sostituisci il ldb con 150 g di licoli e diminuisci l’acqua di 20 g circa

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>