Con l’avvicinarsi delle festività diventa quasi un obbligo dedicarsi alla preparazione dei dolci tipici tradizionali :) noi oggi per l’arrivo della Pasqua vi proponiamo un dolce prettamente campano: la Pastiera.

La Pastiera ha origini antichissime, era preparata con un ripieno di pasta lessa, capellini o spaghetti, con uova e zucchero, successivamente la pasta fu sostituita dal riso a cui seguì l’uso del grano con la ricotta e i canditi. Noi andiamo oltre e mettiamo nel nostro ripieno il Sorgo, un cereale naturalmente privo di glutine ricco di fosforo, ferro e calcio. Se invece volete rispettare la più vecchia tradizione vi daremo le dosi per un ripieno fatto con il Riso. La ricetta che abbiamo sglutinato e facciamo ormai da diversi anni la trovate QUI

Pastiera

Ingredienti per una pastiera:

Ripieno con il Sorgo

  • 70 g sorgo in chicchi
  • 300 g latte
  • 200 g ricotta (meglio se di pecora)
  • 140 g zucchero
  • 2 uova
  • semi di bacca di vaniglia (noi la punta di un cucchiaino)
  • aroma  fiori d’arancio*
  • canditi a piacere* (noi per una questione di gusti personali non li abbiamo messi)

Ripieno con il Riso

  • 75 g riso (noi carnaroli)
  • 200 g latte
  • una noce di burro
  • 200 g ricotta (meglio se di pecora)
  • 140 g zucchero
  • 2 uova
  • semi di bacca di vaniglia (noi la punta di un cucchiaino)
  • aroma  fiori d’arancio*
  • canditi a piacere* (noi per una questione di gusti personali non li abbiamo messi)

 

Frolla

  • 250 g Mix di farine naturali per crostate (cliccate e andrete alla composizione del mix)
  • 53 g di uovo (pari a circa 1 uovo, vi raccomandiamo di pesarlo)
  • 125 g burro
  • 120 g zucchero
  • 4 g di lievito per dolci* (quando si stratta di crostate con ripieno umido il lievito andrebbe messo sempre)
  • semi di bacca di vaniglia (noi sempre la punta di un cucchiaino)

Preparazione del ripieno

E dopo la lista della spesa cominciamo con la preparazione :) se riuscite preparate la Pastiera qualche giorno prima di mangiarla, i vari sapori degli ingredienti devono riposare per potersi amalgamare al meglio e alla fine offrire un’esplosione di sensazioni 😛

Iniziamo con il ripieno mettendo i Chicchi del Sorgo a bagno per 1 ora, gettateli in acqua bollente e fateli cuocere per 10 minuti, quasi subito vi accorgerete che l’acqua diventa scura ma non vi preoccupate è tutto regolare è il Sorgo che rilascia il suo colore naturale. Trascorso il tempo scolatelo e risciacquatelo per bene, fatelo cuocere per altri 20 minuti nel latte precedentemente portato a bollore. Fate raffreddare i chicchi dentro il latte di cottura. In una ciotola mescolate la ricotta con lo zucchero le uova gli aromi e i canditi, per ultimo aggiungete il Sorgo scolato dal latte in eccesso rimasto dopo il raffreddamento. Il ripieno al Sorgo è pronto :)

Se usate il Riso mettetelo dentro un pentolino con il latte e la noce di burro, portatelo ad ebollizione a fatelo cuocere  finchè il latte non verrà assorbito del tutto. Mettete il riso a raffreddare in una ciotola, una volta freddo aggiungete la ricotta lo zucchero le uova gli aromi e i canditi. Il ripieno al Riso è pronto :)

Preparazione Frolla

Procediamo con la frolla, nella ciotola dell’impastatrice con la frusta K mescolate la farina con zucchero, burro a pezzetti, lievito e vaniglia. Appena l’impasto comincia a diventare sabbioso unite l’uovo e fate lavorare l’impastatrice finchè non otterrete una palla uniforme (all’inizio sarà bricioloso ma resistete alla tentazione di aggiungere altri liquidi, non sarà necessario se avete pesato tutto correttamente).

Mettete da parte una pallina di frolla vi servirà per fare le strisce decorative. Stendete quindi  la frolla  aiutandovi con appena un velo di farina di riso ad uno spessore di circa 1 cm. Ponete delicatamente la sfoglia di frolla in una teglia (noi una tortiera diametro 22 cm) imburrata avendo l’accortezza di lasciare i bordi belli alti (non è una crostata), versate il ripieno dentro il guscio di pasta frolla livellando con una spatola. Stendete la frolla messa da parte, spessore di 1 cm, e tagliate le strisce che poi posizionerete sopra il ripieno per formare le classiche losanghe tipiche di questo dolce.

Cuocete in forno, modalità statica, già caldo a 180° per 50 minuti. Attenzione alla cottura, il fondo della Pastiera tenderà a rimanere bianco e quindi crudo compromettendo il gusto finale, se pensate sia necessario qualche altro minuto di cottura per dorare la base, impostate la modalità cottura “solo sotto” del forno per altri 5 minuti, se il vostro forno non è dotato di questa modalità spegnetelo e posizionate la teglia direttamente sul fondo.

Sfornate e appena la Pastiera sarà tiepida toglietela delicatamente dalla teglia posizionandola su una gratella (facciamo uscire il vapore per evitare che la base si ammorbidisca) fino a raffreddamento. Spolverate con zucchero a velo* e servite. :)

La Pastiera con il Sorgo come consistenza e gusto risulterà simile a quella con il grano.

Pastiera fetta

Auguriamo a tutti voi una serena Pasqua  😀

Un abbraccio.

*Gli ingredienti contrassegnati devono riportare in etichetta la spiga barrata e/o il claim “senza glutine”

Pastiera con il Sorgo o Riso
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page
Share
Taggato in:                             

2 Commenti in “Pastiera con il Sorgo o Riso

  • 29 marzo 2018 at 18:53
    Permalink

    😛 Wow… É veramente spettacolare! Deve essere buona davvero. Nessuno potrebbe osare dire che é senza glutine! Complimenti 😉

    Rispondi
  • 1 aprile 2018 at 20:13
    Permalink

    Ciao e serena Pasqua a tutti. Io l’ho fatta, ma ho usato il riso integrale e per la frolla la tua ricetta tradizionale senza lievito. Buonissima!!! Apprezzata anche dai non celiaci che non si sono accorti di nulla!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>